It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Google+ Youtube

Piadina Romagnola in Europa ispirata a Pascoli

Tour con degustazioni che toccherà, Bruxelles, Francoforte, Cibus a Parma, e Milano

“Quando è di un altro pianeta si firma IGP”.  Una piadina a forma di luna, con chiaro riferimento alla “Piadina” in versi del poeta di San Mauro Pascoli. E’ la campagna di comunicazione della Piadina Romagnola, realizzata dal Consorzio di Promozione e Tutela della Piadina Romagnola IGP, negli eventi internazionali. 

Ispirata a “La Piada” di Giovanni Pascoli, la Piadina Romagnola Igp partirà per un tour di degustazioni, incontri con i buyer, affissioni e toccherà Bruxelles, Francoforte, Cibus a Parma e Milano. L'esordio domani in un evento rivolto a buyer europei. La seconda tappa a Cibus a Parma (7-10 maggio 2018), manifestazione fieristica punto di riferimento per il settore agroalimentare. In tale contesto il Consorzio proporrà lezioni di piadina romagnola insieme alle Mariette artusiane, fedeli custodi della cucina del padre della gastronomia Pellegrino Artusi, e degustazioni in chiave gourmet con la presenza dello chef Due Stelle Alberto Faccani di Cesenatico. Un mix di ingredienti romagnoli proposti ad un pubblico di addetti ai lavori e buyers, in chiave classica con un tocco d'innovazione. Durante Cibus per due settimane sugli autobus di Parma sarà presente l'immagine pascoliana della Piadina Romagnola IGP. 

La stessa campagna di affissione sarà proposta a Milano nei box luminosi della metropolitana. Infine il 18 maggio a Francoforte, in occasione dell’evento rivolto a clienti e giornalisti sarà presente una maxiaffissione nell'aeroporto internazionale più grande d'Europa. A supporto dell'intensa attività di promozione, il Consorzio ha ottenuto un finanziamento (primo progetto in graduatoria), "Attività di promozione e informazione da gruppi di produttori sui mercati interni", promosso dall'Assessorato alle Politiche Agricole della Regione Emilia Romagna. La piadina è una specialità romagnola ed è una ricetta molto semplice da preparare con ingredienti poveri, tradizionalmente provenienti della regione, come farina di grano tenero, strutto, acqua (quanto basta per ottenere un impasto omogeneo); Sale (pari o inferiore a 25 grammi); Grassi (strutto, e/o olio di oliva e/o olio di oliva extravergine fino a 250 grammi). Dopo l'impasto e la porzionatura in pani o palline, il passo successivo è la laminatura attraverso matterello manuale oppure laminatrice meccanica. Infine, la cottura su un piano cottura che varia da 200 a 250°C con un massimo di 4 minuti. Per potersi fregiare dell'Igp la Piadina deve essere confezionata nelle sole zone di produzione stabilite. Il Disciplinare presenta la piadina al consumo in due tipologie: quella con un diametro minore (15-25 cm) ma più spessa (4-8 mm), e alla Riminese con un diametro maggiore (23-30 cm) e più sottile (fino a 3 mm).

ruo - 2503

© EFA News - European Food Agency Srl