It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Google+ Youtube

Macfrut 2018: Interesse delle aziende croate e serbe

Concluso il tour di presentazione che ha toccato 20 paesi e 4 continenti

Termina in Serbia il lungo tour di presentazione di Macfrut 2018, che si terrà dal 9 all’11 maggio, presso la Fiera di Rimini. Con l’iniziativa a Novi Sad, infatti, si sono concluse le novità dell’evento di riferimento per i professionisti del settore ortofrutticolo in Italia e in Europa. Organizzata in collaborazione con la Federazione dei Consorzi Agrari Serbi e il Consorzio Cermac, la manifestazione ha visto la partecipazione di numerosi grandi produttori ortofrutticoli. In Voivodina, la regione di cui Novi Sad è il capoluogo, la frutticoltura è in grande espansione, in particolare mele e ciliegie, ma anche frutti di bosco e settore orticolo. Migliaia di ettari di nuovi impianti sono stati messi a dimora negli ultimi anni e gran parte della produzione viene inviata in Russia, sfruttando la favorevole situazione commerciale creata con l’embargo dall’Europa. Per questo c’è grande interesse per una fiera di filiera come Macfrut perché i produttori serbi sono interessati a tutta la parte vivaistica e alla tecnologia italiana, sia preraccolta che postraccolta, ma anche per cercare sbocchi alternativi di mercato. Il lungo tour di presentazione di Macfrut ha toccato 20 Paesi in quattro continenti, in uno sforzo senza precedenti: da Miami e New Orleans, al Perù, Cile, Colombia; dalla Cina ad Hong Kong; dalla Spagna, Germania, Bulgaria, Croazia, fino appunto alla Serbia. Macfrut è un evento professionale qualificato da una presenza internazionale in costante crescita. Nella scorsa edizione i visitatori provenienti dalla Serbia sono stati oltre 39.000, sfruttando la favorevole situazione commerciale creata con l’embargo dall’Europa. Per questo c’è grande interesse per una fiera di filiera come Macfrut perché i produttori serbi sono interessati a tutta la parte vivaistica e alla tecnologia italiana, sia preraccolta che postraccolta, ma anche a cercare sbocchi alternativi di mercato.

ruo - 2566

© EFA News - European Food Agency Srl