It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Google+ Youtube

Coca Cola tra i vincitori del Randstad Employer Brand 2018

Le aziende per le quali gli italiani sognano di lavorare

Automobili Lamborghini, Coca-Cola Hbc Italia, Ikea e FlorimSono queste le aziende italiane più attrattive come potenziale datore di lavoro, premiate al Randstad Award 2018, a Milano. Il riconoscimento è stato assegnato sulla base della ricerca dedicata all'employer branding e commissionata da Randstad, secondo player al mondo nei servizi per le risorse umane.

L’analisi, condotta su oltre 175.000 persone in 30 Paesi in modo indipendente, con un focus approfondito su più di 5.700 aziende a livello globale, ha misurato il livello di attrattività percepita delle aziende italiane da parte dei possibili dipendenti. In Italia sono state intervistate circa 5.800 persone di età compresa tra 18 e 65 anni, un campione rappresentativo di occupati, studenti e non occupati, a cui è stato chiesto quali sono i fattori che rendono un'azienda attrattiva tra 150 aziende con oltre 1000 dipendenti con sede in Italia.

Dalla ricerca emerge che il work-life balance è il fattore più considerato, seguito da atmosfera di lavoro e stipendio. Ma i datori delle aziende puntano soprattutto su altri fattori: solidità finanziaria, ottima reputazione e tecnologie avanzate. Il 17% degli italiani ha cambiato lavoro nell'ultimo anno, il 32% intende cambiarlo nel 2018. Stipendi bassi, work-life balance sbilanciato e poche prospettive di carriera sono i principali motivi che spingono a lasciare il posto. I canali più utilizzati per cercare un impiego sono gli aggregatori online e siti di annunci, aziende, contatti personali e Google.

“Le persone sempre di più scelgono un datore di lavoro con una cultura aziendale allineata ai propri valori – afferma Marco Ceresa, amministratore delegato di Randstad Italia.

Tra le imprese italiane risultate più attrattive, Coca-Cola Hbc Italia è la prima azienda per solidità finanziaria.

ruo - 2939

© EFA News - European Food Agency Srl