Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Gli italiani in lockdown vanno pazzi per il mascarpone

Isolati in casa, gli italiani si dilettano ai fornelli

Assolatte: nell’ultima settimana di marzo, in Italia il sell-out di mascarpone ha sfiorato il +100% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Ottenuto direttamente dalla panna, il mascarpone è una delizia da consumare al naturale o da utilizzare per arricchire tante ricette, dolci e salate. Sarà per questa sua doppia veste che sembra non poter mancare nel frigorifero di chi si diletta ai fornelli. Lo conferma l’analisi sulla spesa degli italiani condotta da Nielsen e da cui, sottolinea Assolatte, emerge un vero boom di questo delizioso prodotto: nella settimana finita il 29 marzo, le vendite di mascarpone hanno subito +99,6% rispetto alla stessa settimana del 2019. Una nota positiva in un momento in cui le imprese lattiero casearie registrano perdite importanti nel canale Horeca e nell’export. La destinazione d’uso più frequente è la preparazione del tiramisù, diventato in pochi anni il dolce italiano più conosciuto e amato (e copiato) in tutto il mondo. Ma in pasticceria è gettonato anche per preparare cheesecake, praline, gelati e creme. Ed è gustoso anche accompagnato alla frutta, come le pesche ripiene con amaretti, i fichi caramellati al forno e le terrine di formaggi e uva. Si usa anche per rendere più cremose e delicate le vellutate e le quiche, per addensare e addolcire i sughi bianchi per pasta e gnocchi. La sua consistenza soffice e spalmabile lo rende perfetto per le salse saporite (come quella al gorgonzola piccante e noci). Inoltre, aggiunto a fine cottura, permette di mantecare alla perfezione i risotti.

mtm - 11437

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

Formaggi e latticiniLatte vaccino, toccasana per gli anziani

Lo dimostra studio del Crea, sostenuto da Regione Piemonte

Nello studio, che ha avuto il sostegno della Regione Piemonte e della Centrale del Latte di Italia, i ricercatori hanno valutato gli effetti sull’intestino di un tipo di latte vaccino caratterizzato da un diverso profilo di caseine, le principali proteine contenute nel latte. In particolare, tale latte contiene la proteina beta-caseina esclusivamente di tipo A2, a differenza del latte convenzionale, che contiene una miscela delle proteine beta-caseina A1 e A2. continua