Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ristori: per Federalimenate ancora insufficienti

Vacondio: "Basta aiuti a pioggia, dare priorità a comparti strategici come l'horeca"

Federalimentare, commenta i finanziamenti a fondo perduto inseriti nel decreto legge Ristori in relazione alla ristorazione. "La somma stanziata nel dl Ristori per il settore dell'horeca è sicuramente più adeguata di quella inserita nel dl Rilancio, ma ancora insufficiente a tutelare un settore così strategico per l'economia del paese", afferma Ivano Vacondio, presidente della Federazione.

Secondo il centro studi Federalimentare, il comparto perderà nel prossimo mese circa 2,5/3 miliardi, con conseguenze pesanti sul settore alimentare e su tutta l'economia. "Per questo, pur essendo consapevole della situazione di grande difficoltà generale, credo che non sia più il momento di erogare aiuti a pioggia: è necessario dare la priorità a comparti strategici per il paese, com'è l'horeca", sostiene il presidente. 

Vacondio afferma che gli aiuti inseriti nel dl Ristori, purtroppo, non eliminano il rischio che molti bar e ristoranti possano chiudere bottega in maniera definitiva ed è una possibilità che invece andrebbe scongiurata soprattutto perché non riguarda solo un singolo settore o una sola categoria: l'indotto di personale che lavora nei ristoranti è ampio e variegato, senza contare i fornitori e quindi tutta la filiera agroalimentare. "Insomma, la crisi della ristorazione si porterebbe dietro una crisi generale che impatterebbe in modo non indifferente sull'economia del paese".

Infine, sulle tempistiche, la Federazione afferma: "Attenzione a rispettare le promesse relative ai tempi di erogazione dei finanziamenti questa volta non sono ammessi ritardi o mancate risposte, pena l'inasprimento dei disordini nelle piazze: una situazione che il paese non può permettersi". 

hef - 14360

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili

Economia e finanzaStima preliminare del Pil 2° quarter 2021

Col +2,7% supera le attese, ma si stratta di una stima provvisoria, sottolinea Istat

"Le stime di crescita annuale dovranno essere necessariamente riviste tutte al rialzo, perché quelle attuali sono basate su ipotesi non più veritiere di aumento del Pil del secondo trimestre. È possibile quindi che la crescita si attesti verso il +6%, un risultato che nessun previsore osava nemmeno sperare all’inizio dell’anno", commenta il ministro per la Pubblica amministrazione Brunetta continua