Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Illy si compra Prestat, il cioccolato della Regina

Sinergie con Domori, accesso a grandi magazzini di Londra e a 8 paesi

Illy fa shopping nel cioccolato. Il Gruppo triestino, già proprietario di Domori, tra i produttori del miglior cioccolato fine al mondo, ha siglato un accordo per l’acquisizione di Prestat, uno dei brand di cioccolato più amati del Regno Unito e fornitore della Casa Reale inglese. Prestat potrà così avere accesso all’esclusiva materia prima utilizzata da Domori e potrà quindi integrare nella propria produzione il controllo dell’intera catena del valore, “dalla pianta al truffle”. Il valore dell'investimento non è stato reso noto.

Lo scorso anno l'azienda britannica ha registrato un fatturato pari a 7 milioni di sterline; con circa cento dipendenti, fornisce alcune catene distributive prestigiose come Fortnum & Mason, Liberty, Selfridges, Harrods, Harvey Nichols, Daylesford, Rococo Chocolates; esporta i suoi cioccolatini in paesi come Giappone, Australia, Singapore, Dubai, Svizzera, Germania e Paesi Bassi. “L’acquisizione è coerente con il Dna del gruppo, alla costante ricerca di una proposizione di offerta di altissima qualità e rafforza la crescita nel business del cioccolato, in cui il gruppo è già presente con Domori", ha commentato Riccardo Illy, presidente del Gruppo, "quella tra le due società è una perfetta complementarietà di prodotti e di presenza geografica nei principali mercati mondiali, con alla base la passione per l’eccellenza del cioccolato”.

Le origini di Prestat sono dovute a Louis Dufour, che creò il primo tartufo al cioccolato al mondo a Chambery, in Francia, nel 1895, e che aprì il primo negozio a Londra nel 1902. Nel 1998 l’azienda è stata acquistata da Nick Crean e Bill Keeling che l’hanno condotta alla crescita in questi anni come co-direttori generali. Entrambi resteranno in azienda.
Per Nick Crean, l'investimento del Gruppo Illy permetterà a Prestat di "essere in una posizione ancora migliore per coltivare le competenze tradizionali necessarie per creare i migliori cioccolatini artigianali”. Keeling pone l'accento sull'"accesso a quelle che secondo molti sono le migliori materie prime del mondo", che, "insieme al supporto della forza finanziaria del Gruppo Illy e ad una serie di nuove opportunità di distribuzione, rende il futuro di Prestat molto interessante”.
L’operazione si inquadra nel percorso strategico di crescita anche per linee esterne del Gruppo Illy che, dopo l’acquisizione di Damman Freres, prosegue nel suo percorso di internazionalizzazione e accresce significativamente la propria presenza sui mercati mondiali del cioccolato di alta qualità.

agu - 6922

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

RistorazioneFipe. Rapporto ristorazione 2019: tutti i numeri del settore

Intraprendenza, qualità, sostenibilità: così il comparto batte la crisi

Cresce il numero delle imprese della ristorazione rispetto a un anno fa: 336mila di cui quasi una su tre gestita da donne e l'11,6% da cittadini stranieri. L'elevato turnover resta un'emergenza. In aumento anche la spesa delle famiglie, +0,7% in termini reali, che si assesta sugli 86 miliardi di euro nel 2019. Un trend che si rafforza sul lungo periodo: in 10 anni la spesa degli italiani per mangiare fuori è aumentata di 4,9 miliardi mente quella in casa si è ridotta di 8,6 miliardi di euro nello stesso periodo di tempo. In impennata anche l'occupazione: nella ristorazione lavorano 1,2 milioni di addetti di cui il 52% donne e in maggioranza giovani. In 10 anni la crescita è stata del 20% continua

AgricolturaBellanova incontra al Mipaaf l'omologo brasiliano Tereza Cristina

"Insoddisfatti del Mercosur. Sostenibilità ambientale, sociale, economica pilastri essenziali nell'agricoltura del futuro"

"Di certo sarà interessante per i nostri due Paesi intensificare le relazioni sul versante delle best practices che caratterizzano la nostra agricoltura e il nostro agroalimentare, anche nel dare risposte alla crisi climatica. Gli agricoltori possono contribuire a prevenire e compensare gli effetti dei cambiamenti climatici ma vanno aiutati" continua