It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Formazione: Torino punto di riferimento europeo per il food

Affidato a docenti dell'università il coordinamento dei progetti di Professional Development e delle Summer School di EIT Food

Sono dui docenti dell’Università di Torino ad essere stati scelti nel ruolo di coordinatori dei progetti di Professional Development e delle Summer School di EIT Food. L'Istituto Europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (EIT) dell'Unione Europea, ha incaricato il Prof. Luca Cocolin, del Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentarie e il Prof. Dario Peirone, del Dipartimento di Giurisprudenza, di coordinare i consorzi europei del settore Food; UniTo sarà coordinatrice sia dei progetti di Professional Development che delle Summer School nei Paesi e le Regioni RIS.

Il Sistema di Innovazione Regionale (RIS) dell'EIT è stato ideato appositamente per gli stati membri UE e per gli aderenti al programma Horizon 2020, considerati da European Innovation Scoreboard, paesi nei quali è necessaria una rete internazionale volta a potenziarne l'innovazione a livello locale. Tra questi rientrano anche la Valle d'Aosta ed il Centro-Sud Italia. 

L'Università di Torino vanta un'ampio ventaglio di esperienze e competenze acquisite grazie alla partecipazione a progetti come l'European food system education and training (EFSET) ed il Master in Food Systems, e la messa appunto di laboratori innovativi come Startup Creation Lab. Oggi i progetti presentati da UniTo sono stati definiti solidi ed all'altezza per essere inseriti all'interno delle linee progettuali nei Paesi RIS.

I programmi di EIT Food coinvolgono centinaia di aziende e studenti provenienti da ogni paese europeo. Le RIS Summer School sono incentrate sull'imprenditorialità. Il percorso si compone di moduli legati a tematiche quali il tracciamento digitale della catena di produzione degli alimenti, la nutrizione e l'economia circolare. I ragazzi lavoreranno in team, svilupperanno competenze di problem solving e collegheranno la fase di Idea Generation con le Smart Specialization Strategies nazionali e regionali sull'industria alimentare.

Professional Development mira a coinvolgere imprenditori, agricoltori, professionisti, start-up ed a far conoscere le tecnologie più innovative da poter applicare direttamente sul territorio. Saranno affrontati anche temi delicati, quali: il novel food e la produzione di proteine alternative.

hef - 13246

EFA News - European Food Agency
Similar