It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Entro il 2030 Pasta Sgambaro sarà "climate positive"

Partnership con Etifor e WOWnature

Il pastificio veneto Sgambaro intraprende l’impegnativo percorso di 10 anni per diventare entro il 2030 “organizzazione climate positive” che genera un impatto positivo sull’ambiente, sottraendo dall’atmosfera più CO2 di quanta ne produce.

Il pastificio veneto Sgambaro intraprende il percorso per diventare entro il 2030 “organizzazione climate positive” che genera un impatto positivo sull’ambiente, sottraendo dall’atmosfera più CO2 di quanta ne produce. Dal 2011 è partner di WOWnature, iniziativa che permette di far crescere nuovi alberi nelle zone urbane e in aree soggette a desertificazione o colpite da calamità naturali, e di migliorare e sostenere le foreste esistenti. L’esperienza di Bosco Limite ha segnato l’avvio della collaborazione di Sgambaro con Etifor (spin-off dell’Università di Padova specializzato nella consulenza in ambito ambientale), sfociata nel progetto “The Climate Positive Pasta”.

A oggi Sgambaro genera annualmente 4.500 tonnellate di anidride carbonica, pari alle emissioni annuali di 900 cittadini italiani: l’obiettivo 2020 è catturare e conservare 2.500 tonnellate di CO2, aderendo a tre progetti di WOWnature presso il Parco Nord di Milano, lungo la nuova Ciclovia Treviso-Vicenza e nell’area di Enego colpita dalla tempesta Vaia nel 2018.

Ridurre le emissioni di anidride carbonica, ripensando strategie e processi aziendali in ottica di responsabilità ambientale, è il primo passo necessario per contrastare la crisi climatica e le sue conseguenze. Quello successivo è prendersi cura delle foreste, crescendo nuove piante o proteggendo iboschi adulti, per potenziale la capacità della natura di sottrarre CO2 dall’atmosfera, “sfruttando” lafotosintesi degli alberi che assorbe e fissa il carbonio. L’obiettivo 2020 di Sgambaro è catturare econservare 2.500 tonnellate di CO2, aderendo a tre progetti di WOWnature che verranno completati nellaseconda parte dell’anno: due di piantumazione di 1.000 alberi presso il Parco Nord di Milano e lungo la nuova Ciclovia Treviso-Vicenza, e uno di miglioramento e ripristino delle foreste di Enego colpite dalla tempesta Vaia nel 2018.

mtm - 12780

EFA News - European Food Agency