It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Spagna: la Camera di commercio spara a zero sul Nutri-Score

"Nessun alimento deve essere considerato buono o cattivo, va considerata la dieta nel suo complesso"

Anche la Spagna si avvia verso l'introduzione, su base volontaria, del sistema francese a etichettatura "fronte pacco" Nutri-Score, ma gli imprenditori non ci stanno e reagiscono con un lungo documento a cura della potente Camara di Comercio nazionale. Il testo è stato preparato sulla base della consultazione pubblica lanciata dal governo sul “Proyecto de Real Decreto Relativo a la utilizaziòn volunatria del logotipo nutricional Nutri-Score”.

La prima critica riguarda la necessità di un sistema armonizzato a livello europeo, mentre col Nutri-Score ogni stato sta procedendo in ordine sparso (già adottato da Francia e Belgio e in via di approvazione anche in Germania, mentre l'Italia si oppone fermamente). La seconda critica riguarda l'attacco che il sistema rivolge alla Dieta Mediterranea. Dopo aver ricordato che il Nutri-Score è nato in UK  basandosi su British Food Standards Agency Nutrient Profiling System (FSA-NPS), e che prende come unità di riferimento il calcolo secco su 100 g di prodotto, la Camara  spagnola chiede "uno studio specifico sulle abitudini di consumo spagnole prima di qualsiasi decisione normativa", mentre "non esiste nessuno studio scientifico che tenga in considerazione gli stili di vita e le abitudini alimentari della popolazione spagnola, e che valuti l'importanza che la dieta mediterranea rappresenta nell'alimentazione degli spagnoli".

Attacco frontale anche all'arido algoritmo che considera asetticamente 4 componenti "cattivi" (sali, grassi saturi, zucchero e calorie) e tre "buoni" (proteine, fibre e percentuali di vegetali):  "andrebbero inclusi elementi con proprietà positive derivate dai contenuti di vitamine, minerali, composti bioattivi e proteine ad alto valore biologico".

La conclusione è che "nessun alimento deve essere classificato come buono o cattivo. Ogni tipo di raccomandazione che non considera la dieta nel suo complesso può ingannare, inducendo cambiamenti sbagliati nelle abitudini alimentari".

In allegato il documento completo pubblico sul sito www.camara.es.

Attachments
agu - 12795

© EFA News - European Food Agency Srl
Similar