It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Federalimentare, cresce la consapevolezza del ruolo dell'industria alimentare

Industriali e politici a confronto nella giornata degli stati generali dell'industria alimentare

Il Made in Italy è riconosciuto ovunque come un vero e proprio brand, sinonimo di qualità grazie a un insieme di fattori tra cui il più importante è il prodotto, risultato della trasformazione di ingredienti semplici ma di elevato livello, integrati attraverso un processo produttivo e un know how unico al mondo.

Oltre 56mila imprese per un fatturato che supera i 140 miliardi di euro, di cui quasi 35 derivanti dalle esportazioni, con un trend in continuo aumento che nel 2018 ha segnato un +2,8% rispetto al 2017 e un +25,2% rispetto al 2013. Il food&beverage rappresenta ormai il secondo settore manifatturiero in Italia. Sono i numeri emersi durante gli stati generali che Federalimentare ha convocato a Roma.

“Sono dati - ha detto il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio - che mostrano un miracolo tutto italiano: quello del saper fare delle nostre aziende, dai top player alle PMI, che trasformano le materie prime italiane e straniere in un prodotto lavorato e richiesto in tutto il mondo”.

L'evento è stato un momento di confronto tra industriali e politici, e ha visto, tra gli altri, gli interventi di Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, e Gian Marco Centinaio, Ministro dell'agricoltura e del turismo.

Guarda il video:

agu - 7642

© EFA News - European Food Agency Srl
Related
Similar