It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Italia fuori dai top player mondiali lattiero-caseari

Secondo al classifica Global Dairy Top 20 stilata da Rabobank

Gli analisti di Rabobank hanno appena pubblicato il report Global Dairy Top 20 2019, contenente il ranking mondiale delle principali aziende nel settore lattiero-caseario per fatturato 2018. Nessuna azienda italiana compare tra le prime e il dato non stupisce, perché la nostra Parmalat, unica che potrebbe comparire nella classifica, consolida le sue attività all'interno del bilancio della controllante francese Lactalis (n. 2 al mondo).

Secondo Rabobank, nel 2018, la diminuzione dei prezzi delle materie prime, le condizioni meteorologiche avverse nelle principali regioni di esportazione, un forte dollaro USA e i cambi di valuta hanno influito sul fatturato combinato delle 20 principali industrie lattiero-casearie nel mondo. In termini di dollari USA, è stato registrato un aumento del 2,5% rispetto all’anno precedente, rispetto al 7,2% dell’anno precedente. Tuttavia, il fatturato combinato 2018 in termini di euro è diminuito del 2,0% rispetto alla tendenza al rialzo del 5,1% del 2017.

La classifica vede al top Nestlé con 20,6 miliardi di euro di fatturato, seguita dalle francesi Lactalis, che totalizza ricavi per 17,6 miliardi (di cui circa 6,5 mld ascrivibili a Parmalat, e senza contabilizzare l'acquisizione della Nuova Castelli) e Danone (15,2 mld). Al quarto posto la neozelandese Fonterra (12,1 mld). La canadese Saputo, il cui patron Joey Saputo è proprietario del Bologna Calcio, si piazza al nono posto con 9,3 mld di fatturato, preceduta dalla cinese Yili (9,5 mld).

Chiude la classifica, in ventesima posizione, la tedesca Müller con ricavi stimati in 4,3 mld di euro.

In allegato il report completo di Rabobank.

Attachments
agu - 8715

© EFA News - European Food Agency Srl