It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Quando il freddo cambia "l'umore gastronomico"

Per 8 italiani su 10, dice una ricerca di Deliveroo in collaborazione con Doxa

Arriva la stagione invernale, il caldo lascia il passo al freddo e alla pioggia e cambia anche il nostro modo di approcciarci al cibo. E’ questo il tema che ha indagato  una ricerca condotta da Deliveroo, il servizio di food delivery, in collaborazione con Doxa. Nella ricerca si è messo in evidenza come i gusti e le scelte cambiano a seconda del meteo, cosa di preferisce mangiare e quali sono i mood e le sensazioni più ricorrenti quando al bel tempo subentrano giornate più grigie e temperature più rigide.

Secondo la ricerca, gli italiani per il 77% dichiarano che la scelta del cibo è influenzata dalle condizioni del tempo (solo il 5% dice di non esserlo). Ed è decisamente il freddo il fenomeno metereologico che incide maggiormente sulle scelte di cosa mangiare, sostiene il 30% degli intervistati, soprattutto tra le donne (33%), seguito poca distanza dalla pioggia e dal caldo rispettivamente 25% e 24%. Più staccati il  sole (10%). la neve (8%) e il vento (3%). 

Quando piove? Non si rinuncia a spaghetti al pomodoro, pizza e frutta colorata, (non verrebbe in mente e di mangiare questi cibi solo al 12% degli intervistati) per tenere alto l’umore. Per questo motivo, quello che viene meno in mente di mangiare sono sushi (38%), gelato (36%) e il pesce (17%).

Ma non è solo una questione di cibo, ma anche di come si preferisce gustarlo: in una giornata di pioggia e freddo la maggior parte degli italiani, il 40%, sogna la compagnia di amici e di una bella tavolata, ma quasi la stessa percentuale, il 38%, è diviso tra gli irresistibili romantici che sognano una pizza sul divano in dolce compagnia , in particolare i ragazzi tra i 15 e 24 anni (37%) , e chi sogna di ricevere a casa il proprio piatto preferito senza dover fare niente , in questo caso le donne sono decisamente più degli uomini (uomini 15%, donne 22%) ed i millennials (25-34 anni - 24%) a prediligere questa scelta. Seguono quelli che si vorrebbero ricreare  l’illusione di essere ancora al mare (15%) e chi si butta a capofitto a fare una torta (8%).

red - 9329

© EFA News - European Food Agency Srl