It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Fondazione Ferrero/2: l'invecchiamento di successo non è un ossimoro

Il workshop internazionale nella sede di Alba

“Invecchiamento di successo 2019 - Body and mind connection” è il titolo del convegno organizzato dalla Fondazione Ferrero e iniziato questa mattina nella sede di Alba. Un workshop di tre giorni, che vede la presenza di un panel di studiosi accomunati nella ricerca focalizzata sull'aging,  sull'invecchiamento appunto, e sul lavoro. “Il titolo può sembrare un ossimoro: di solito l'invecchiare si accomuna al declino o alla malattia, mentre il successo fa parte di un'altra sfera. Da più di trent'anni, invece, noi cerchiamo di coniugare l'uno e l'altro: dimostrare che si può invecchiare bene in salute e quindi con successo”, spiega Ettore Bologna, responsabile medico della Fondazione Ferrero. 

Perché un convegno di questo tipo proprio in Fondazione Ferrero? È presto detto: tutto sta nella curva di sopravvivenza, la curva di Kaplan- Maier, risultato di ben 99 mesi di osservazione della popolazione che vive quotidianamente le attività della Fondazione Ferrero e inserita nello studio presentato questa mattina e curato dalla fondazione stessa con Università Cattolica di Milano e Policlinico Gemelli. 

“I nostri anziani, che accedono alla Fondazione dopo 25 anni di lavoro, oltre a vivere meglio, vivono più a lungo. Questo significa, in termini economici, meno accessi al pronto soccorso, meno ricoveri ospedalieri, attività che rappresentano un costo medio al giorno di circa 600 euro a persona a carico del servizio sanitario nazionale”, sottolinea Bologna. Gli studi presentati al convegno attestano i passi avanti che la ricerca ha fatto negli ultimi 50 anni. “All'epoca la domanda era quella di differenziare la malattia dall'invecchiamento. Una domanda che, col tempo, si è dimostrata non corretta, visto che i meccanismi biologici che determinano l'invecchiamento sono gli stessi che determinano la malattia. Oggi, però, si può fare molto: avere una vita attiva e pensare positivamente, avere un'alimentazione adeguata che ci permette di mantenere il peso corporeo normale e la prevenzione delle patologie più importanti come ipertensione e diabete rallentano l'invecchiamento e prolungano la vita in salute”, spiega Luigi Ferrucci, direttore del Baltimora longitudinal study in aging.    

(segue)

agu - 9586

© EFA News - European Food Agency Srl
Related
Similar