It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Löwengrube raddoppia con AB InBev

La catena di locali ispirati alle tradizioni bavaresi punta ad aprire altri 20 locali in 5 anni

Lowen-Com, proprietaria del marchio Löwengrube, ha siglato un accordo con AB InBev Italia, branch locale della prima azienda di birra al mondo, con l’obiettivo di raddoppiare il numero di punti vendita Löwengrube sul territorio italiano, attraverso l’apertura di 20 nuovi locali di proprietà diretta, consolidando ulteriormente il ruolo di Lowen-Com come il distributore più rappresentativo in Italia delle tradizioni della Baviera e dell’Oktoberfest. L’accordo è stato firmato da Pietro Nicastro, Ceo di Lowen-Com, e da Benoit Bronckart, AD Italia di Anheuser-Busch InBev, il quale ha detto di essere  “felice di rafforzare i nostri rapporti con Löwengrube. Entrambi amiamo birre autentiche, di tradizione e ricche di gusto. Insieme vogliamo far crescere la cultura birraia in Italia. Per un’azienda come AB InBev è un piacere collaborare a stretto contatto con compagni di viaggio che hanno dimostrato di saper fare impresa e che vogliono investire nel paese e creare occupazione”.

“Per me - ha aggiunto Pietro Nicastro - e per tutto lo staff di Löwengrube, è motivo di grande orgoglio siglare questa partnership con il più grande produttore di birra al mondo. Allo stesso tempo, siamo consapevoli della grande responsabilità che questo comporta. Adesso inizia un’altra dura sfida per noi: la trasformazione di una piccola azienda che vuole diventare grande".

Nei locali Löwengrube si servono da sempre tre prestigiosi e storici marchi di birra di proprietà del gruppo AB InBev: Löwenbräu, Spaten e Franziskaner, espressioni autentiche della tradizione bavarese. Si conferma così per i prossimi 5 anni una collaborazione iniziata nel 2013. La nuova intesa servirà dunque a sostenere l’ulteriore sviluppo in Italia della rete di “Original Münchner Bierstube”, nata nel 2005 dall’italianissima idea dei fondatori Pietro Nicastro e Monica Fantoni, quando aprirono il primo locale di proprietà a Limite sull’Arno (Firenze), tuttora sede del quartier generale. 

A seguito del grande successo di pubblico ottenuto da quel punto vendita originario, nel 2014 è nato il progetto franchising, che ad oggi conta 20 sedi in tutta Italia, con tre formule differenti (Stube, Klein e Wagen) adattabili ai diversi contesti, dalle zone ad alta densità di scorrimento, con ampi parcheggi annessi, alle gallerie commerciali, dagli aeroporti alle stazioni ferroviarie. Considerando il turnover attuale dei locali, il progetto avrà anche una importante ricaduta occupazionale, perché comporterà l’impiego di circa 400 nuovi addetti.

agu - 9827

© EFA News - European Food Agency Srl