It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Per il 71% degli italiani il tonno in scatola deve essere sostenibile

Metodi di pesca e packaging le priorità per l’Osservatorio Nutrizione e Benessere Nostromo-Andid

Da inizio emergenza Covid-19 vendite a +33,6%. Consumatori disposti a pagare il +8,5% per un prodotto che rispetta il mare. Metodi di pesca e packaging le priorità secondo l’Osservatorio Nutrizione e Benessere Nostromo-ANDID

Dall’inizio dell’emergenza Covid-19 il tonno in scatola ha registrato un incremento delle vendite a volume pari al +33,6%, ma gli italiani non rinunciano alla sostenibilità anche per questa categoria di prodotti. Da quanto rilevato dall’indagine dell’Istituto Ixè realizzata per l’Osservatorio Nutrizione e Benessere - promosso da Nostromo in collaborazione con Andid, Associazione Nazionale Dietisti, il 71% dei consumatori ritiene che il concetto di sostenibilità sia importante anche per la pesca e per la produzione di tonno in scatola e di conserve ittiche in generale. La percentuale sale al 78% tra i più informati, 76% per chi mangia tonno in scatola una volta la settimana e 72% tra chi sceglie questo prodotto qualche volta al mese.

Nell’ambito delle conserve ittiche, la sostenibilità riguarda innanzitutto i metodi di pesca: per il 42,3% del campione di ricerca le aziende produttrici dovrebbero garantire il rispetto dei periodi di pesca e delle dimensioni del pescato, ed evitare pratiche poco rispettose del mare e della biodiversità, come la pesca a strascico. In seconda battuta, per il 13,3% degli intervistati, è importante l’impiego di confezioni amiche dell’ambiente (riciclabili, riutilizzabili, biodegradabili). Tra i più giovani questa sensibilità raggiunge il 33% degli intervistati, attenti anche al tema della riduzione dell’inquinamento del mare (25%) sia nella fase di pesca che in quella di lavorazione, mentre il dato medio su questo argomento si attesta al 12,2%.

Gli italiani intervistati confermano la rilevanza di questa tematica anche dichiarandosi disponibili a pagare in media l’8,5% in più per un prodotto “sostenibile”, mentre un consumatore su otto arriverebbe a spendere anche oltre il +10%.

Gruppo Calvo - di cui Nostromo fa parte dal 1993 - ha predisposto un ambizioso programma, presentato nel 2019, che definisce 17 obiettivi di sostenibilità da raggiungere entro il 2025 in materia di protezione degli oceani, dell’ambiente e delle persone. Una roadmap il cui grado di avanzamento è verificato annualmente da organismi indipendenti e consultabile su grupocalvo.com, con obiettivi definiti e misurabili distinti per ciascuna delle tre aree individuate: Oceani, Ambiente, Persone. 

mtm - 13066

EFA News - European Food Agency
Similar