It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Covid-19, studio Usa getta un'ombra su ristoranti

Replica la Fipe: "Ricerca sui contagi effettuata su modelli non italiani"

"I nostri ristoranti sono un luogo sicuro, il sensazionalismo è più contagioso del virus". Questa la risposta di, Roberto Calugi, direttore generale di Fipe-Confcommercio, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ad una notizia che affermava un aumento dei numeri di contagio da Covid-19 tra i frequentatori di ristoranti. La fonte è uno studio effettuato su 150 casi presi a campione all'interno di alcuni ristoranti ubicati in un centro commerciale degli Stati Uniti. Diverse le contestazioni alla notizia.  Secondo il noto virologo Francesco Spinazzola, 150 individui rappresenterebbero un campione troppo ridotto per poter dare risultati oggettivi e di carattere generale; le limitazioni negli Stati Uniti non sono avvenute tramite le stesse regole adottate in Italia; lo studio è stato effettuato all'interno di un centro commerciale, dunque è possibile che i contagi siano avvenuti all'interno di altri esercizi piuttosto che nei ristoranti. 

"L’unico dato certo fino ad oggi è che nei ristoranti italiani non sono stati registrati significativi casi di contagio e che, là dove sono state rispettate le regole di distanziamento, di utilizzo della mascherina, di sanificazione periodica, il virus non l’ha avuta vinta”, spiega Spinazzola.

"Chiediamo agli organi di informazione senso di responsabilità e completezza di informazione, senza cedere al virus, dannoso quanto il Covid, del sensazionalismo a tutti i costi", ha commentato Calugi.

Insomma, una notizia infondata e con basi poco solide, che rischierebbe di compromettere migliaia di imprenditori. Secondo Calugi sono i ricercatori stessi a consigliare di adottare delle misure di distanziamento per limitare i rischi di contagio, che i ristoranti italiani avrebbero già assunto fin dalle prime riaperture.  "Per questo suggeriamo ai nostri media di riportare la ricerca nella sua completezza. La rincorsa, comprensibile, al titolo acchiappa lettori non può prescindere però dalla consapevolezza che un titolo fuorviante può compromettere il lavoro di migliaia di imprenditori, di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie”, conclude Calugi. 

hef - 13346

EFA News - European Food Agency
Similar