It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Marr chiude il trimestre con ricavi oltre 400 milioni di euro

E rilancia sugli investimenti per sede a Catania e nuova piattaforma logistica nel lodigiano

Terzo trimestre in forte recupero sul periodo precedente, investimenti in nuove sedi e 80 milioni di euro di finanziamento in arrivo con garanzia Sace: lo ha comunicato oggi Marr, la società leader in Italia nella commercializzazione e distribuzione al foodservice di prodotti alimentari e non-food, anticipando al mercato i numeri del fatturato (la comunicazione dei dati finanziari completi è prevista per il 13 novembre). Una nota precisa che "dopo un blocco quasi totale dei consumi legati alla ristorazione ed al turismo sino ai primi giorni del mese di giugno, periodo durante il quale Marr ha comunque continuato ad operare garantendo servizio ed assistenza ai propri partner clienti, le progressive riaperture delle attività commerciali hanno consentito una significativa ripresa dei consumi che si è confermata durante l’intero trimestre “estivo” (luglio - settembre)".

Secondo l rilevazioni dell’Ufficio Studi Confcommercio nel bimestre luglio e agosto la variazione tendenziale a quantità nell’ambito del segmento “Alberghi, pasti e consumazioni fuori casa”, confrontata con l’anno precedente, è stata rispettivamente del –34,6% e -29,6% rispetto al – 66,4% dell’intero secondo trimestre. A fronte di questi numeri, i ricavi totali di Marr nel terzo trimestre si sono posizionati sopra i 400 milioni di Euro, in flessione sul pari periodo dell’anno precedente, circa -20%, ma con un andamento decisamente sovraperformante rispetto al mercato di riferimento.

Secondo l'azienda "il progressivo recupero registrato da Marr è frutto dell’insieme delle iniziative commerciali, gestionali ed operative che, in modo integrato, sono state avviate e sviluppate già durante la fase più acuta e difficile del lockdown. Tra queste le nuove o rinnovate linee di prodotto in grado di offrire ai clienti opportunità di business (es. linea packaging per delivery e take away, Grab&Go, piatti ready to eat e ready to cook, focalizzazione sul “made in Italy”) e maggiore sicurezza nella gestione (linea per la sanificazione e disinfezione, monoporzioni ad elevato livello di protezione per le prime colazioni, prodotti ed attrezzature per Igiene&Sicurezza), la predisposizione programmi a favore di alcuni specifici segmenti di clientela (ad esempio il programma che consente agli operatori turistici di ottimizzare i benefici derivanti dal “Bonus Vacanze”), oppure la focalizzazione in area prodotti freschi quali ittico ed ortofrutta con conseguente adeguamento della struttura logistico-distributiva (ottenuta ad esempio a seguito della acquisizione ed integrazione di SìFrutta)".

L'azienda del gruppo Cremonini ha annunciato anche un rilancio degli investimenti per rafforzare la presenza sul territorio: è prevista l’apertura di una nuova filiale a Catania, nella prima parte del prossimo anno, destinata alla copertura della Sicilia Orientale e l’avvio del progetto per una nuova piattaforma distributiva di oltre 40 mila mq nel lodigiano che "consentirà la migliore gestione degli approvvigionamenti alle singole filiali sul territorio nazionale e il servizio ai clienti della ristorazione strutturata".

A sostegno di tali progetti, oltre all’attuale disponibilità di oltre 200 milioni di Euro di liquidità, è previsto che entro il 2020 Marr possa contare sull'erogazione di un finanziamento a medio lungo termine per 80 milioni di Euro, attualmente in fase di approvazione definitiva da parte di Sace e del Mef, già deliberato da Banca Nazionale del Lavoro in qualità di banca capofila, agente e depositaria e da Cdp con garanzia Sace ai sensi del c.d. “Decreto Liquidità”.

red - 13825

EFA News - European Food Agency
Similar