It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

L'Italia leader nella "Giornata internazionale delle donne rurali"

Sono quasi 210mila le "imprenditrici rosa" italiane

Si celebra oggi la "Giornata internazionale delle donne rurali" istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite con lo scopo di riconoscere “il ruolo chiave delle donne rurali nel promuovere lo sviluppo rurale e agricolo, contribuendo alla sicurezza alimentare e allo sradicamento della povertà rurale”. In quest'occasione Coldiretti elabora i dati Ismea, dai quali scaturisce che a livello nazionale più di un’azienda agricola su quattro (28%) è guidata da donne per un totale di quasi 210mila imprenditrici rosa che consentono all’Italia di conquistare il primato europeo.

Un ruolo che è diventato ancora più significativo con l’emergenza Covid, quando le donne hanno continuato a lavorare per garantire l’alimentazione della popolazione nonostante gli evidenti rischi di contagio e le difficoltà operative.

L'associazione in rappresentanza dell'agricoltura italiana, evidenzia che il comparto femminile ha dimostrano capacità di coniugare la sfida con il mercato e il rispetto dell’ambiente, la tutela della qualità della vita, l’attenzione al sociale, a contatto con la natura assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali e della biodiversità. L'attività agricola è stata rivoluzionata grazie all’impulso dato dalla presenza femminile nelle attività di educazione alimentare ed ambientale con le scuole, le agritate, gli agriasili, le fattorie didattiche, i percorsi rurali di pet-therapy, gli orti didattici, ma anche nell’agricoltura di precisione e a basso impatto ambientale, nel recupero delle piante e degli animali in estinzione fino nella presenza nei mercati di vendita diretta di Campagna Amica oltre che nell’agriturismo.

Floriana Fanizza, leader della donne imprenditrici di Coldiretti, ha commentato: "Uno degli elementi di novità è l’arrivo sui campi di imprenditrici che hanno seguito percorsi formativi diversi dall’agricoltura: da scienze politiche a sociologia, da giurisprudenza a economia, da scienze della comunicazione a ragioneria, dal marketing alla consulenza aziendale.
Questa intraprendenza deve comunque tenere conto delle problematiche che interessano le donne di tutto il mondo, dalla disparità di genere, alla scarsa scolarizzazione, allo sfruttamento. Riconoscere il ruolo chiave delle donne rurali nel promuovere lo sviluppo rurale e agricolo, contribuendo alla sicurezza alimentare e allo sradicamento della povertà rurale è una priorità strategica universale".

hef - 14087

EFA News - European Food Agency
Similar