It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Patate 100% eco-friendly, senza fitosanitari chimici e rame

Romagnoli sperimenta con Università della Tuscia e Legambiente

Romagnoli prosegue il percorso di ricerca e innovazione in ottica di sostenibilità per l’intera filiera pataticola, in cui l’azienda opera dalla semina alla commercializzazione e annuncia l’impegno in una nuova sperimentazione che ha come obiettivo la coltivazione di patate in totale sintonia con l’ambiente, ottenute cioè senza l’utilizzo di prodotti fitosanitari chimici di sintesi e di rame. La nuova sperimentazione è realizzata attraverso la coltivazione di varietà tolleranti già testate: Levante, Twister e Alouette alle quali si aggiunge Constance, varietà anch’essa con caratteristiche agronomiche che le conferiscono una notevole tolleranza alla peronospora.

Partner del progetto sono l'università degli studi della Tuscia, Dibaf e Legambiente, con cui l’azienda bolognese ha portato avanti sperimentazioni che hanno consentito di testare una nuova generazione varietale di patate naturalmente tollerante ai principali agenti patogeni e di redigere un disciplinare di difesa colturale "Residuo Zero", che ha permesso all’azienda di ottenere per prima in Italia la certificazione "Residuo Zero Check Fruit" sulla coltura della patata.

Come riportano i dati dell'osservatorio packaging del largo consumo, realizzato da Nomisma in collaborazione con SpinLife due italiani su tre privilegiano gli acquisti fatti in punti vendita che presentano iniziative a favore della sostenibilità ambientale, 7 su 10 sono disposti a cambiare il negozio in cui fanno la spesa alimentare a favore di punti vendita che offrono prodotti con confezioni sostenibili. “Oggi le aziende sono chiamate a promuovere modelli di sviluppo responsabili nei confronti dell'ambiente e della sicurezza alimentare del consumatore. Questo non può prescindere però dal riconoscimento del valore a tutti gli attori della filiera per garantire un prodotto davvero sostenibile a 360°, ovvero dal punto di vista ambientale, sociale ed economico", commenta Giulio Romagnoli, ad dell'azienda.

Dopo l’adozione del packaging in vertbag Sormapeel, che consente di ridurre del -25% l’impiego di plastica rispetto alle tradizionali confezioni in uso, l'azienda ha implementato il PaperVertbag. Una soluzione sviluppata da Sorma Group, realizzata in carta 100% riciclabile certificata Fsc e dotata di una “finestra” dotata di rete in cellulosa, che consente al prodotto di respirare accrescendone la shelf-life.

hef - 14427

EFA News - European Food Agency
Related
Similar