It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Dom Terry Agrisolutions: nuova tecnologia per biostimolanti e agrofarmaci naturali

Secondo la startup si tratta di “una scoperta scientifica che potrà rivoluzionare il settore dell’agricoltura”

La Dom Terry Agrisolutions srl, startup innovativa con sede legale a Milano, dopo circa 4 anni di ricerche, studi e sperimentazioni, è riuscita a mettere a punto una nuova tecnologia, ecosostenibile, polifunzionale, per l’agricoltura, l’ambiente e tutta la filiera agroalimentare. Secondo quanto affermato in una nota dalla startup “l’oggetto della nuova scoperta scientifica, potrà, veramente, rivoluzionare il settore dell’agricoltura”.

Si tratta di proteine (macromolecole biologiche composte da catene di amminoacidi legati tra di loro da un legame peptidico) estratte dalle piante, le quali durante il processo estrattivo (idrolisi) subiscono un processo di protonazione (acidificazione) specifico, in un particolare momento dell’idrolisi, con il medesimo acido organico prodotto da nostro intestino durante il processo di fermentazione delle fibre e una particolare differenziazione e scelta degli amminoacidi, per la formazioni di tipologie di oligopeptidi caratterizzati da elevata efficacia e specificità. Inoltre, per rendere gli oligopeptidi più efficaci, selettivi e veloci nella loro attività, sono stati potenziati con l’inserimento nella composizione di un fotocalizzatore naturale estratto da una roccia caucasica, denominata ilmenite, il quale permette di potenziare l’azione fungicida, battericida ed erbicida in presenza di luce solare, accelerare le attività biochimiche delle piante (in primis i processi della fotosintesi clorofilliana), incrementare l’azione biostimolante e favorire un miglioramento quali-quantitativo delle produzioni agricole, permettendo di ridurre gli apporti nutrizionali (in primis nitrati) e, quindi, l’impatto che queste sostanze chimiche hanno sull’ambiente. 

Secondo l'azienda, questo processo permetterà di ottenere numerosi preparati specialistici per l’impiego in agricoltura, a seconda della matrice di partenza, della quantità di fotocatalizzatore e della quantità di acido organico impiegato. Nello specifico, si potranno ottenere: biostimolanti, fungicidi, battericidi, ovicidi per particolari insetti dannosi alle piante come la cimice asiatica, repellenti, erbicidi, dissecante delle colture pre-raccolta, spollonanti per le piante, tessuti biodegradabili per la pacciamatura delle culture, per la produzione di “barriere” di contrasto nei confronti di funghi, batteri e insetti nel settore serricolo, preparati per il trattamento della frutta post-harvest per prevenire infezioni fungine e batteriche durante la conservazione. Tra i vari vantaggi di quest’invenzione ci sono: il residuo zero nelle derrate alimentari, un basso impatto ambientale, l’assenza di residualità nel suolo, il miglioramento delle caratteristiche chimiche, fisiche e biologiche del terreno, e molti altri.

hef - 15946

EFA News - European Food Agency
Similar