It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Limite dei 4 posti a tavola/2

La possibilità di apparecchiare tavolate all’aperto “salva” solo circa la metà dei locali

La possibilità di apparecchiare tavolate all’aperto “salva” solo circa la metà dei 360mila bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi presenti in Italia che anche grazie alle nuove norme sono in grado di offrire il servizio al tavolo anche all’esterno. E’ quanto stima la Coldiretti in riferimento all’’ipotesi di compromesso sulla possibilità di superare il limite dei 4 posti a tavolo per i non conviventi che ha ripercussioni sul bisogno di convivialità degli italiani, sull’offerta turistica ed anche sugli incassi degli operatori.

Un vincolo che, sottolinea l'associazione, rischia di far infatti saltare le tradizionali tavolate estive, dalle feste di fine anno scolastico ai pranzi aziendali fino ai pranzi in riva al mare e alle cene serali tutti insieme in vacanza. Senza dimenticare che si limita così anche l’ospitalità turistica costringendo a separare le tradizionali comitive alla vigilia di una estate in cui si attende il ritorno di 28 milioni di turisti europei con l’arrivo del green pass. 1/3 della spesa turistica di italiani e stranieri in vacanza nel Belpaese è destinato all’alimentazione con il cibo che rappresenta infatti per molti turisti la principale motivazione del viaggio nella penisola.

 La necessità di mantenere almeno un metro di stanza tra i tavoli riduce drasticamente gli spazi disponibili per il servizio lungo tutta la penisola dove si calcola un potenziale di circa 7 milioni di coperti, mezzo milione dei quali in agriturismo. I 24mila agriturismi italiani sono in realtà i meno colpiti dal divieto delle tavolate all’interno poiché possono contare su ampie aree nel verde dove le distanze non si misurano in metri ma in ettari e c’è anche chi offre agli ospiti la possibilità di cenare sotto gli uliveti in mezzo alle vigne che stanno germogliando oppure nell’orto per raccogliere direttamente la verdura. 

Non a caso quasi un italiano su cinque (17%) ha scelto di trascorrere le vacanze estive 2021 in campagna, parchi naturali e oasi, tra verde ed enogastronomia, coniugando la voglia di normalità con la garanzia di stare in sicurezza senza rischiare gli affollamenti, secondo l’indagine Coldiretti/Notosondaggi sui cittadini che hanno deciso la destinazione delle ferie. La campagna è diventata così la seconda meta delle vacanze subito dopo il mare proprio per effetto dell’emergenza sanitaria che ha fatto cambiare i programmi di una fetta consistente della popolazione nazionale.

hef - 19228

EFA News - European Food Agency
Similar