It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Start up: Miscusi si finanzia con altri 20 milioni

La società partecipata da Angelo Moratti convince il fondo americano Kitchen Fund

Nuovo finanziamento da 20 milioni di euro per Miscusi, il brand italiano di ristoranti a catena specializzati in pasta, con 11 locali in sei città.. La cifra proviene un ulteriore round di Mip, il fondo di venture capital di cui Angelo Moratti è anchor investor, con il sostegno del fondo americano Kitchen Fund già investitore di numerose realtà food internazionali di successo, tra cui SweetGreen.

Il capitale si aggiunge ai 5 milioni di euro raccolti durante i primi tre anni di vita che hanno visto la startup crescere da 1 a 11 milioni di euro di fatturato in 30 mesi. Con questa operazione, Miscusi dichiara di voler orientare il suo percorso di sviluppo verso l’internazionalizzazione, alla ripresa delle aperture italiane che erano previste nel 2020 e a un progetto di agricoltura rigenerativa.

l round prevede 14 milioni di equity e 6 milioni di debito finanziato da Banco Bpm. Dei 14 milioni di equity 10 milioni arriveranno da un aumento di capitale sottoscritto dagli attuali azionisti, mentre circa 4 milioni deriveranno da un convertibile sottoscritto da Kitchen Fund. Post operazione si confermeranno le quote degli azionisti principali attuali: Mip al 32,83%, Alberto Cartasegna al 20% circa e Filippo Mottolese all’11%. Fra gli altri shareholder anche Alexander Samwer, co-fondatore dell’incubatore tedesco Rocket Internet famoso per l’investimento in Zalando, e un paio di business angel italiani.

Il 2021, nelle aspettative del management di Miscusi, segna una seconda e più matura fase di vita in cui il brand sta studiando un piatto di pasta con ingredienti rigenerativi per l’uomo e per il pianeta, al fine di bilanciare valori nutrizionali e sfruttare la fotosintesi per assorbire la CO2. È in corso il primo progetto sperimentale di agricoltura rigenerativa che, a differenza delle pratiche di monocoltura, si concentra sul ripristino e l’arricchimento del terreno che contribuirà così alla riduzione delle emissioni di gas serra.

red - 19247

EFA News - European Food Agency
Similar