It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Risultati 2019 record per Lavazza grazie anche a Mars Drink

Ricavi +18% e +45% utile netto, 2020 incerto ma "Gruppo solido"

Risultati importanti nel 2019 per il Gruppo Lavazza che ha visto il consolidamento completo dell'acquisizione di Mars Drink (con attività per circa 350 milioni di dollari), avvenuta a dicembre 2018. I ricavi consolidati sono così aumentati del 18%: 2,2 miliardi rispetto a 1,87 miliardi dell’anno precedente, con il 70% del fatturato realizzato all’estero. La crescita è riconducibile sia all’integrazione di Lavazza Professional (ex Mars Drink) sia alla positiva performance del business del Gruppo (+3,9% a volume), che ha visto in particolare una crescita a doppia cifra in Nord America (+15,2%), Nord Europa (+13%) ed Europa dell’Est (+23%), principalmente in Russia e Polonia.   

L’utile netto ha visto un incremento del 45% a 127,4 milioni rispetto agli 87,9 milioni del 2018. Anche l'Ebitda registra un balzo del 47% a 290,6 milioni, con un Ebitda margin pari al 13,2% (era al 10,6% nel 2018).

La posizione finanziaria netta è positiva per 82,1 milioni rispetto ai 15 milioni del 2018, guidata dalla positiva generazione di cassa nonostante l’effetto negativo dell’applicazione del principio contabile IFRS16-‘Leases.

Nel 2019 il Gruppo è cresciuto in tutti i canali, a perimetro organico, in particolare nel Single Serve (+5,2% a volume) e nel Roast&Ground (+3,8%). Lavazza è entrata inoltre nel segmento del “ready-to-drink”, in grande sviluppo a livello globale, attraverso una partnership siglata con PepsiCo, avvicinandosi così al mondo dei più giovani e delle nuove modalità di consumo con un prodotto premium e di qualità. Lanciato inizialmente nel Regno Unito, il ready-to-drink Lavazza verrà introdotto nel corso del 2020 anche in altre geografie europee.

Per l'amministratore delegato Antonio Baravalle i risultati conseguiti "confermano l’efficacia del nostro modello di business e della nostra strategia e che ci hanno consentito di crescere, anche in un contesto di mercato in contrazione”. Per quanto riguarda il 2020, precisa il manager, “l’attuale contesto, fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria in corso, rende difficile prevedere cosa accadrà nei prossimi mesi a livello macroeconomico. Affrontiamo questa situazione incerta e mai verificatasi in precedenza con proattività e concretezza, forti sia dei risultati dell’anno appena concluso sia della solida struttura patrimoniale del Gruppo”. 

agu - 11184

EFA News - European Food Agency
Similar