It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Dl Rilancio/2: caos su codici Ateco per esonero previdenziale straordinario

Cia: "Si allarghino benefici a olivicolo, frutticolo e orticolo"

E’ caos fra gli agricoltori che, al momento, non sanno se potranno beneficiare dell’esonero straordinario dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro, previsto dal Dl Rilancio. Fra i codici Ateco del decreto interministeriale che dovrebbe rendere fruibile il suddetto Dl mancano, infatti, comparti produttivi di grande rilievo come l’olivicolo, il frutticolo e l’orticolo. 

Per Cia-Agricoltori Italiani si tratta di una grave disattenzione del Governo nei confronti del sistema agroalimentare italiano che, pur tra mille difficoltà, sta contribuendo fattivamente alla tenuta socio-economica del Paese. Cia sollecita, dunque, l’allargamento della platea dei beneficiari con l’intervento risolutivo da parte dei ministeri coinvolti (Economia e Finanze, Lavoro e Politiche agricole) e ricorda che proprio ieri è scaduto il termine per il pagamento degli F24.

Per completamento dell'informazione, questa Agenzia EFA News precisa che solo tre giorni fa la titolare del Mipaaf ministro Teresa Bellanova dichiarava: "Ho appena firmato, subito dopo averlo ricevuto dal ministero del Lavoro, il Decreto con cui consentiamo l'esonero contributivo per i primi sei mesi del 2020 per le filiere agroalimentari. Il 16 settembre, come già avevo detto in molte delle aziende visitate in queste settimane, scatterà l'esonero dei versamenti previdenziali". A disposizione delle filiere agroalimentari, dunque, i 426 milioni previsti dal Decreto Rilancio e finalizzati all'esonero straordinario dai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro dovuti per il periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020. Ad essere interessate dal provvedimento le filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, nonché dell'allevamento, dell'ippicoltura, della pesca e dell'acquacoltura. Obiettivo, come più volte ribadito dal ministro ed esplicitato nello stesso decreto, il rilancio produttivo e occupazionale delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura. Dopo la firma della  Bellanova, il Testo era stato immediatamente inoltrato al Mef per l'adozione definitiva del provvedimento. 

NDub - 13437

EFA News - European Food Agency
Related

AgroalimentareDecreto rilancio, settore frutticolo penalizzato

L'esonero dai contributi previdenziali non è previsto per il comparto

Esonero contributi previdenziali, Confagricoltura E.Romagna: "Una scelta sbagliata e discriminante escludere, in particolare, il settore frutticolo o l’orticolo dall’esenzione del pagamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro. Dove andremo a finire? L’Emilia-Romagna ha già ridotto del 20% la sua produzione frutticola nell’ultimo anno". more

Similar