It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Jbs, la holding brasiliana si dichiara colpevole di favoreggiamento

Patteggiamento in Usa con sanzioni per oltre 283 milioni di dollari


Il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, ha annunciato che J&F Investimentos, holding con sede in Brasile, che controlla l'azienda leader mondiale delle carni Jbs, ha accettato di pagare una sanzione penale di 256,5 milioni di dollari per chiudere le indagini sulle violazioni del Foreign Corrupt Practices Act. Allo stesso tempo, J&F e JBS hanno raggiunto un accordo con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, secondo il quale dovranno versare circa 27 milioni di dollari in merito alle accuse di corruzione. 

Tra il 2005 e il 2014, J&F è stata coinvolta in un'attività di corruzione per la quale ha pagato 148 milioni di dollari di bustarelle. Denaro speso per il favoreggiamento di funzionari governativi brasiliani di alto livello, tra cui un dirigente del Banco Nacional de Desenvolvimento Econômico e Social (Bndes), banca brasiliana di proprietà statale. In cambio del pagamento della tangente, J&F ha ottenuto centinaia di milioni di dollari di finanziamenti da Bndes. Inoltre, la società ha pagato tangenti per un valore di oltre 4,6 milioni di dollari ad un alto dirigente della Fundação Petrobras de Seguridade Social (Petros), un fondo pensione controllato dallo Stato brasiliano, in cambio dell'ottenimento dell'approvazione di una fusione con Petros, a vantaggio di J&F. La società ha anche pagato circa 25 milioni di dollari in tangenti ad un funzionario del governo brasiliano, al fine di assicurarsi centinaia di milioni di dollari di finanziamenti da Caixa Econômica Federal.

Jbs non è parte del patteggiamento e non si assumerà alcuna responsabilità derivante da esso. Dal suo canto, J&F ha accettato di migliorare il proprio programma di compliance e di attuare una comunicazione diretta col governo sulle modifiche messe in atto. 

Jbs ha anche attività importanti in Italia, dove controlla la valtellinese Rigamonti, il principale produttore nazionale di bresaole.

hef - 14127

EFA News - European Food Agency
Similar