It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Capitan Findus inventa lo spazzino del mare

Installato il primo cestino mangiarifiuti a Portoferraio

E' entrato in funzione il seabin, cestino di raccolta dei rifiuti che galleggiano, installato da Findus nell’ambito del percorso di sostenibilità dell'azienda e frutto della partnership con LifeGate. Il cestino opera nelle acque del porto di Cosimo De’ Medici a Portoferraio (Livorno). Renato Roca, direttore marketing di Findus, ha commentato: "Per noi, la salute e la salvaguardia dei mari e degli oceani sono un valore fondamentale e ci impegniamo quotidianamente per preservarli, in primis adottando metodi di pesca responsabile che minimizzino l’impatto sulla flora e la fauna marina. Le modalità di pesca e di approvvigionamento giocano infatti un ruolo importantissimo nella salvaguardia degli oceani e delle loro risorse, è per questo che circa il 90% della nostra produzione ittica complessiva è certificata Msc o Asc, con l’obiettivo di arrivare al 100% entro il 2025".

Il dispositivo è in grado di catturare circa 1,5 kg di detriti galleggianti al giorno, ovvero oltre 500 Kg di rifiuti all’anno (a seconda del meteo e dei volumi dei detriti), comprese le microplastiche da 5 a 2 mm di diametro e le microfibre da 0,3 mm, invisibili all’occhio umano. Può inoltre catturare molti rifiuti comuni che finiscono nei mari come i mozziconi di sigaretta. Grazie all’azione spontanea del vento, delle correnti e alla posizione strategica del cestino, i detriti vengono convogliati direttamente all’interno del dispositivo. I rifiuti vengono catturatati nella borsa, che può contenere fino a un massimo di 20kg, mentre l’acqua scorre attraverso la pompa e torna in mare; quando la borsa è piena, viene svuotata e pulita. Può funzionare 24 ore al giorno e quindi è in grado di rimuovere molta più spazzatura di una persona dotata di una rete per la raccolta. Il dispositivo risulta efficace in aree come i porti, darsene e anse fluviali poiché sono naturali punti di accumulo, in cui convergono la maggior parte dei rifiuti in mare.

hef - 14203

EFA News - European Food Agency
Similar