It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Cultivar: 1,3 milioni di piante di Favolosa in 3 anni

Modello agronomico costruito dal Consorzio oliveti d’Italia

È boom FS-17 – Favolosa per gli olivicoltori italiani: nel periodo 2017-2020 sono state vendute quasi 1,3 milioni di piante. Su quasi 800mila c’è la firma del Consorzio oliveti d’Italia che con i suoi tecnici specializzati ha predisposto un modello agronomico, adottato da oltre 500 imprenditori lungo lo stivale, "basato su qualità, investimenti e costi di gestione contenuti, reddito certo per le aziende", comunica una nota stampa. La cultivar Favolosa, italiana al 100% e certificata nel 1988 dal Cnr, rappresenta un percorso razionale, sostenibile e conveniente adattabile a ogni sistema produttivo in tutta Italia in base alla localizzazione del terreno, alle sue caratteristiche e alle dimensioni aziendali. La pianta inizia a dare frutti già al secondo anno di piantagione (10%) e l’evoluzione rapida di incremento produttivo porta la produzione al 50% nel terzo anno (60 quintali), 80% nel quarto anno (96 quintali) e 100% dal quinto anno in poi. La Favolosa non soffre della ciclicità produttiva degli impianti tradizionali e, a regime, arriva a produrre in media 120 quintali di olive per ettaro, da raccogliere a inizio ottobre, per regalare un olio extravergine d’oliva dal fruttato medio intenso, con il piccante che prevale sull’amaro e un alto contenuto di polifenoli.

Secondo il modello predisposto dal Consorzio, ipotizzando la piantumazione su un ettaro di 800 piante a sesto 5 x 2,5 nord-sud, l’investimento complessivo previsto ammonterebbe a poco più di 7300 Euro suddivisi tra lavorazione del terreno, concimazione di fondo e livellamento (1000 Euro), acquisto delle piante, pali, tiranti, basi in calcestruzzo, tutore e piantumazione (circa 4800 Euro), sistema di irrigazione (1500 Euro circa). I costi per la manutenzione e la gestione dell’impianto si aggirerebbero attorno a 1000 Euro per i primi due anni, per poi salire lentamente fino ai circa 1650 Euro dal quinto anno in poi comprendendo manodopera e raccolta meccanizzata con apposita scavallatrice che impiega circa 2 ore ad ettaro. Calcolando la vendita di olive prodotte ad un costo medio di 70 Euro al quintale, media dei prezzi registrati negli ultimi 5 anni, l’investimento complessivo, compreso delle spese di gestione, produrrebbe utili già a partire dal quarto anno di produzione dell’impianto.

“Puntare sulla Favolosa significa proiettarsi nel futuro, rispettando la biodiversità e mantenendo inalterata la grande qualità della tradizione olivicola italiana", spiega Nicola Ruggiero, presidente del Consorzio Oliveti d’Italia. "Il 'modello Favolosa' è un percorso virtuoso che consente agli imprenditori di investire senza esitazioni in un piano che è a tutti gli effetti win win, come dimostrano chiaramente i numeri di chi ha già deciso di scommettere su questa varietà in ogni parte d’Italia".

hef - 15230

EFA News - European Food Agency
Similar