It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

La Luiss tra le università più sostenibili del mondo

Seconda a livello globale nella categoria "Energy and Climate Change"

La Luiss Guido Carli scala il ranking green e sostenibile del "World University GreenMetric", la classifica che valuta l’impegno degli atenei su rispetto dell’ambiente, risparmio energetico e cambiamento climatico. L’ateneo si conferma secondo a livello mondiale, e primo tra le italiane, nella categoria “Energy and Climate Change” e fa il suo ingresso nella "Top 50" degli atenei più sostenibili. All’edizione 2020, hanno partecipato 922 università di tutto il mondo e la Luiss si posiziona tra le migliori, insieme all’università di Bologna, l’università degli studi di Torino, il politecnico di Torino, l’università degli Studi dell’Aquila, raggiungendo la 43° posizione al livello mondiale (era 107 nel 2019) e il 5° posto tra le italiane (7° nel 2019), facendo un balzo in avanti di oltre 1.000 punti rispetto allo scorso anno.

"Stiamo crescendo sulla sostenibilità grazie al grande impegno e al forte investimento che abbiamo realizzato in questi anni. Green e riduzione dell’impatto ambientale sono tra i pillar fondamentali delle linee di sviluppo strategico dell'università", dichiara il direttore generale Giovanni Lo Storto. Lavorando con la Rus (Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile), la Luiss ha previsto un set di Kpi per monitorare l’impatto di progetti e iniziative per uno sviluppo sostenibile ed inclusivo: l’uso di energia elettrica da fonti rinnovabili, l’installazione di luci a ridotto consumo e il servizio di "Luiss Green Mobility" con una flotta di 12 auto elettriche e 5 shuttle (di cui 2 elettrici e 3 a gas naturale) a disposizione di tutta la comunità studentesca e accademica, per cambiare il modo di muoversi in città. Tra le iniziative formative rivolte agli studenti dei corsi di laurea triennali e magistrali, da anni è attivo "LabGov", il laboratorio per la governance dei beni comuni che mette alla prova i ragazzi con reali questioni di sostenibilità. I "LabGovers" ogni anno si cimentano in una operazione di rigenerazione civica dei beni comuni urbani, con l’obiettivo di incubare ed accelerare imprese civiche e cooperative di comunità, elaborando politiche pubbliche dirette a creare nuovi posti di lavoro, ridurre le disuguaglianze sociali ed economiche, fondare istituzioni collettive e di prossimità.

Sin dal 2014, è attivo all’interno del campus di viale Romania, il "Luiss Community Garden", uno spazio aperto a studenti, docenti, personale amministrativo, volontari di associazioni di quartiere, bimbi delle scuole del quartiere e alla comunità, per facilitare interazione sociale di diverse realtà, attraverso il lavoro a contatto con la natura, che restituisce un modello di comunità partecipativa per il benessere degli individui e dell’ambiente. Infine, la Luiss promuove attività di volontariato che negli ultimi sette anni hanno coinvolto circa 5000 i ragazzi in 30 progetti a forte impatto pratico, etico e sociale e circa 70 percorsi focalizzati su etica, responsabilità e sostenibilità.

hef - 15438

EFA News - European Food Agency
Similar