It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Grana Padano, lieve crescita nel 2020

+2% nella produzione e +3,7% sui consumi globali

"Nonostante la crisi generata dall’emergenza sanitaria, Grana Padano si conferma il prodotto Dop più consumato al mondo e continua a crescere", spiega una nota stampa del Consorzio. La stima della produzione nel 2020 registra un +2%. I minori consumi nel settore horeca sono stati recuperati dall’incremento di acquisti nel retail, sia in Italia sia all’estero, soprattutto nella Ue. Da gennaio a novembre 2020, infatti, i consumi di Grana Padano hanno fatto registrare un complessivo +3,7%. Nel retail l’Italia reagisce bene con un + 7,1%. La Germania si conferma primo mercato estero, rappresenta il 27% della quota export, con un incremento del 7% dei consumi retail rispetto allo scorso anno. Bene anche Svizzera (+8%), Belgio (+6%) e Francia (+5%).

"Il nostro prodotto al momento non è stato danneggiato dalla crisi perché, come riportano alcune recenti ricerche, è percepito dal consumatore come uno dei prodotti più rassicuranti", afferma Renato Zaghini, presidente del consorzio tutela Grana Padano, commentando i dati del 2020 relativi ai consumi e all’export del prodotto, illustrati durante la prima assemblea generale organizzata interamente da remoto. Tuttavia, la crisi sanitaria da Covid-19 ha fortemente penalizzato il segmento horeca favorendo una contrazione dei consumi: "le difficoltà dovute alla chiusura forzata dei ristoranti ci hanno costretto a rivedere i piani annuali di comunicazione e di prodotto. Il segmento retail ci ha consentito però di recuperare il gap dell’horeca e questo ci permetterà di chiudere il 2020 con il segno positivo. Merito non solo dei consumi casalinghi italiani, che registrano un +7,1%, ma anche di quelli dei vicini paesi Ue, tra cui spiccano Germania e Svizzera. Dobbiamo però essere molto prudenti per il futuro perché è impossibile prevedere i comportamenti dei consumatori nei primi mesi del 2021”, spiega Zaghini.

hef - 15722

EFA News - European Food Agency
Similar