It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Covid: cambia la soglia Ue degli aiuti di stato

Filiera Italia: “Positivo l'innalzamento della soglia, ma ora occorre un ulteriore passo”

“Un passo importante per garantire i sostegni necessari alle aziende colpite dalla crisi scatenata dal Covid e un aiuto necessario per non buttare al vento i sostegni già erogati e quelli futuri di cui il Paese avrà bisogno anche nel nostro settore” Così Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia ha commentato la proposta di modifica del quadro temporaneo sugli aiuti di Stato inviata ai Paesi membri dell'esecutivo Ue. I nuovi aiuti prevederebbero così il raddoppio dei massimali da 100 a 200mila euro per le imprese agricole, da 800 a un milione e 600 per le imprese di altri settori, e da 3 milioni ad una nuova soglia ancora da definire - potrebbe essere tra i 5 ed i 10 milioni - per tutte le aziende che hanno subito un crollo di fatturato di oltre il 30%.

Già nelle scorse settimane Filiera Italia aveva sottolineato il rischio che i limiti agli aiuti ancorati al framework temporaneo vanificassero i ristori già concessi e quelli futuri resi necessari dal perdurare dell’emergenza. E sempre la fondazione aveva già chiesto che il calcolo del massimale fosse effettuato rispetto alla singola impresa, e non al concetto di intera entità economica e quindi di gruppo di aziende collegate. 

“L’aumento dei limiti, così come da noi richiesto, è un primo passo importante - sottolinea Scordamaglia - ma non risolutivo”. E prosegue il consigliere delegato “Ora è importante che venga raccolta dal Governo italiano, così come già fatto da Olanda e Germania, un’ ulteriore e necessaria richiesta e cioè quella di escludere una serie di aiuti come ad esempio Irap, credito d'imposta di locazione, la decontribuzione previdenziale… dal temporary framework anche attraverso notifiche ex post da fare a Bruxelles”. E conclude Scordamaglia “Trovare una soluzione a questo specifico aspetto è un'esigenza prioritaria per evitare nei prossimi anni pesantissime conseguenze alle aziende colpite oggi dall’emergenza”.

red - 16344

EFA News - European Food Agency
Related
Similar