It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ferrarelle: dal 2021 è società di benefit

Pubblicato il terzo bilancio di sostenibilità, il primo con realtà aumentata

Ferrarelle Spa, quarto gruppo italiano per volume nel settore delle acque minerali, lancia il suo terzo bilancio di sostenibilità dal titolo “Un legame naturale”, per la prima volta viene realizzato un bilancio con l’utilizzo della realtà aumentata e che si rivolge direttamente al consumatore finale grazie a contenuti aggiuntivi come video, informazioni e audio. Con questa nuova edizione Ferrarelle integra l’analisi del suo impegno in sostenibilità ambientale, economica e sociale con le potenzialità offerte dalla realtà aumentata. Grazie a questo strumento è infatti possibile far interagire direttamente gli utenti con il documento (sia in versione digitale, sia in versione cartacea): utilizzando la fotocamera dello smartphone, le illustrazioni (quest’anno affidate a Simone Massoni) stampate sulle pagine e sulla copertina si animano, mentre il voice over integra i contenuti con informazioni aggiuntive. 

Dal 2008 Ferrarelle produce e utilizza energia elettrica con tecnologia fotovoltaica: nello stabilimento di Riardo la quasi totalità dell’energia elettrica viene prodotta dall’impianto fotovoltaico (96%) ed è utilizzata come autoconsumo, riuscendo a coprire circa l’8% del fabbisogno dell’impianto. Anche il nuovo stabilimento di Presenzano è dotato di un impianto fotovoltaico la cui produzione di energia elettrica copre circa il 2% del fabbisogno. L’attenzione dell’azienda si rivolge anche nei confronti dei suoi collaboratori: 4.629 sono le ore di formazione erogate e destinate ai dipendenti. L’azienda si impegna anche a garantire continuità e sicurezza per i propri lavoratori con il 96% dei dipendenti assunti a tempo indeterminato e oltre 220mila Euro investiti in ambito salute e sicurezza sul lavoro. Sono stati introdotte modalità strutturali di smart-working, concessione di contratti part-time sia stabili che temporanei e il ricorso alla flessibilità di orario di entrata ed uscita per i dipendenti delle sedi amministrativa e commerciale. 

"Una realtà interconnessa come Ferrarelle non può prescindere dal principio di una equilibrata distribuzione del valore economico pari ad oltre 210,4 milioni di Euro, generato nel 2019 dalle proprie attività ed in crescita del 10,1% rispetto al 2018", comunica una nota stampa. Un valore che viene restituito nella quasi totalità ai diversi stakeholder (196,5 milioni di Euro +0,8% rispetto al 2018) che, con legami diretti o indiretti, hanno contribuito a crearlo. Ferrarelle privilegia, infatti, i propri fornitori in funzione del rispetto dell’ambiente: tra quelli abituali, ben 28 sono dotati di bilancio di sostenibilità. La ripartizione del valore generato è la seguente: 166,9 milioni di Euro ai fornitori di beni e servizi necessari per la produzione; 26,7 milioni di Euro ai dipendenti. Tale valore è cresciuto del 4,6% rispetto al 2018 anche per effetto dell’aumento del 8,5% dell’organico aziendale complessivo; 1,0 milioni di Euro agli azionisti; 722 mila Euro alla pubblica amministrazione per imposte e tasse versate; 934 mila Euro alla collettività grazie a donazioni, contributi ad associazioni e attività di sponsorizzazione; 244 mila Euro ai finanziatori ossia oneri finanziari agli istituti di credito.

Lo stabilimento di Presenzano è stato avviato all’attività per il riciclo del Pet e per la produzione di R-Pet. Ferrarelle è così l’unica azienda di acque minerali ad avere un proprio stabilimento per il riciclo della plastica. La filosofia che l’azienda persegue è quella di un “mondo a impatto -1”, dove si sottrae all’ambiente più di quanto vi si immette. Grazie all’impianto di Presenzano, inaugurato nel 2019 e frutto di un investimento di 27 milioni di Euro, Ferrarelle ha già tolto all’ambiente 20 mila tonnellate di plastica e sta producendo le sue bottiglie in R-Pet (Pet riciclato direttamente dall’azienda) nei formati da 1,5l e 0,5l. Con l’obiettivo di guardare al futuro e rendere sempre più sostenibile l’impatto aziendale, Ferrarelle ha scelto di diventare società benefit. La strategia che accompagnerà la società si declina in tre aree strategiche: "territorio e ambiente", "persone, clienti, fornitori e lavoratori" e "cultura e società".

hef - 17366

EFA News - European Food Agency
Similar