It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Consumi, nel 2020 crollati anche nell'alimentare

Vacondio (Federalimentare): "Il settore non è più anticiclico"

I consumi alimentari si allineano al segno "meno" di quelli generali e il settore del food & beverage, da sempre anticiclico rispetto al totale industria, si ritrova a chiudere il 2020 in negativo. Segnano infatti 225 miliardi i consumi alimentari complessivi del 2020, con un taglio del -10,1% sui 250,4 mld del 2019. "Un dato da cui possiamo trarre due considerazioni - dice Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare - la vicinanza di questo taglio a quello accusato complessivamente dai consumi nazionali aggregati (-11,8%) e il peso che, in questa cifra, occupa il settore della ristorazione. È infatti il calo del 35% del fuori casa - da 85 miliardi si passa quindi a 55 miliardi - a dare il colpo di grazia ai consumi interni". 

"Uno scenario per nulla roseo - continua Vacondio - ma annunciato. Fin dai primi momenti della pandemia, quando l'afflusso nei supermercati spingeva molti a considerazioni ottimistiche sul settore alimentare, abbiamo detto che si trattava di una lettura errata e ora i numeri complessivi ci danno ragione: anche il settore alimentare è stato colpito, proprio come gli altri, dalla pandemia". 

"È chiaro che al primo posto resta comunque la salute di tutti, ma è importante, vista l'anticiclicità che il settore ha sempre dimostrato, che il governo dia il giusto valore al comparto e in particolare al settore della ristorazione. Basta aiuti a pioggia, dunque: servono aiuti economici mirati a quei settori che possono rialzarsi dalla pandemia e diventare una risorsa per il rilancio del Paese. Quello della ristorazione, come anche il food and beverage in generale, ha dimostrato di essere tra questi" conclude Vacondio.

red - 17405

EFA News - European Food Agency
Similar