It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Dazi/4. Il settore dei formaggi respira

Tra i prodotti più colpiti vi erano Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Asiago

"Da tempo aspettavamo un cambio di rotta nei rapporti fra Usa e Ue che la nuova amministrazione Biden aveva già fatto intuire. Ci avevamo anche puntato inviando alla Casa Bianca una forma di Grana Padano Riserva decorato con il tricolore e la 'Stars and stripes'. Ma non ce lo aspettavamo in tempi così stretti per la diplomazia ad appena quaranta giorni dall'insediamento. Siamo estremamente soddisfatti". Così Stefano Berni, direttore generale del consorzio tutela Grana Padano, commenta l’accordo tra il presidente Usa Joe Biden e l'Unione europea con cui sono sospesi i dazi per 4 mesi (vedi articolo EFA News del 5-3-21). Tasse aggiuntive che per un anno e mezzo, per scelta del predecessore Donald Trump e come ritorsione sul caso Airbus, hanno fortemente penalizzato l'agroalimentare e l’industria europei, colpendo duramente eccellenze come il Grana Padano Dop. Sarà così possibile tornare fin da subito ad esportare negli States senza l'aggravio che dal 18 ottobre del 2019 faceva lievitare del 25% i costi di ingresso. "I dazi pesavano per un quarto del prezzo dell’export verso gli Usa che per il Grana Padano Dop toccava 160mila forme", sottolinea Berni. "Con questa intesa, per quattro mesi si sono tolti i dazi su 65 milioni di prodotto, pari ad oltre 16 milioni di Euro che non saranno così aggiunti e pagati da buyers e consumatori".

Entusiasmo anche dal Consorzio del Parmigiano Reggiano. “Il pieno sviluppo del mercato americano è di cruciale importanza per la sostenibilità della nostra filiera composta da 321 caseifici, 2.600 allevamenti e 50 mila persone coinvolte. Un sistema che genera un valore di affari al consumo pari a 2,35 miliardi di euro. Ringraziamo la Commissione Europea, in particolare l’europarlamentare Paolo De Castro che si è battuto per la sospensione delle tariffe aggiuntive tra USA e UE che hanno pesato sulle esportazioni aggiungendosi ai gravi impatti economici provocati dalla pandemia. Siamo ottimisti per il futuro: ci auguriamo che l’amministrazione Biden metta fine a questo contenzioso commerciale che non è più sostenibile” ha commentato Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano. Sul Parmigiano Reggiano, dall’ottobre 2019 pesavano tariffe aggiuntive pari al 25% (Trump ha aumentato le tariffe da 2,15 a 6 dollari al chilo) con un aumento del prezzo a scaffale dai 40 ai 45 dollari al chilo.

Anche il formaggio Asiago DOP è stata tra le specialità casearie più colpite dall’introduzione dei dazi USA. L’annuncio della sospensione dell’aumento del 25% delle tariffe, apre una nuova fase di sviluppo nel primo mercato di esportazione della tipicità. “Ringraziamo la Commissione Europea per questo importante traguardo - afferma il Presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago, Fiorenzo Rigoni - e ci auguriamo ora l’avvio di un costruttivo dialogo con l’amministrazione Biden”.

hef - 17524

EFA News - European Food Agency
Related
Similar