It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Consumi: segnali di crisi permanente

Istat, commercio al dettaglio di febbraio: "flessione complessiva del –5,7%"

Prosegue lo stato di crisi per il commercio al dettaglio, come certificato dall’Istat con i dati relativi alle vendite di febbraio diffusi oggi. Si registra una flessione complessiva del –5,7% e, per le vendite non alimentari un nuovo calo del –6,0%. "Il perdurare delle misure restrittive che, seppur a fasi alterne, accompagnano da inizio anno tutto il territorio nazionale, sta delineando un quadro di crisi che per molte imprese che operano nella distribuzione non alimentare rischia di essere insopportabile, mettendo a rischio le prospettive di ripresa", afferma Carlo Alberto Buttarelli, direttore relazioni con la filiera e ufficio studi di Federdistribuzione. "Si temono gli effetti sul conto economico e sulla liquidità delle aziende, ma soprattutto i dati indicano il perdurare di una crisi strutturale dei consumi, che affligge il nostro Paese da diversi anni e che la pandemia ha severamente accentuato; di pari passo con le iniziative di sostegno alle imprese, è importante definire sin da subito un piano di rilancio dei consumi con una visione di ampio respiro che dia una nuova prospettiva alle imprese".

"Un trend negativo si registra anche sul versante delle vendite alimentari: dopo il -5,5% rilevato dall’Istat a febbraio, anche a marzo arrivano segnali deboli, a rete costante si registra un +0,4%, che conferma un andamento sostanzialmente piatto. Si riscontra inoltre una crescente attenzione alla convenienza da parte del consumatore che le aziende della distribuzione moderna sono impegnate a garantire, mentre prosegue l’impegno a supportare importanti filiere, offrendo un sbocco vitale per molte eccellenze del made in Italy", conclude Carlo Alberto Buttarelli.

Sui dati Istat vedi anche notizia EFA News

hef - 18224

EFA News - European Food Agency
Related
Similar