It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Insetti: l'Europa spinge per adottarli nella nutrizione umana

Filiera Italia: “Un altro paradosso di un approccio troppo ideologico alla Farm to Fork”

L'Europa spinge sull'alimentazione umana con insetti. Le tarme della farina da insetto infestante diventeranno cibo e faranno parte della dieta quotidiana, dopo che l'Unione Europea ne ha approvato la commercializzazione come prodotto alimentare per la prima volta per l'alimentazione umana. Si potrà scegliere se mangiarle essiccate, come snack, oppure utilizzarle in cucina come farina. 

Si tratta del primo insetto ad essere riconosciuto come alimento. L'autorizzazione è arrivata dopo un'attenta valutazione dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) che ha riconosciuto il tenebrone mugnaio, la tipica tarma da cucina, come fonte di proteine a basso impatto ambientale.

“Un altro paradosso di un approccio troppo ideologico alla Farm to Fork”: così Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, accoglie il via libera dell’Ue al primo insetto come alimento. “Da una parte si spinge verso una messa in discussione della produzione delle nostre straordinarie eccellenze alimentari, soprattutto zootecniche, prodotte secondo un modello di sostenibilità unico al mondo” dice Scordamaglia “dall’altra si spingono cibi etnici, alternativi e strumentalmente proposti come più sostenibili per coprire la richiesta crescente di proteine nobili”.

E proseguono da Filiera Italia “Mentre i Paesi in progressiva crescita vogliono accedere al consumo dei nostri prodotti carnei o a base di latte, per beneficiare del loro straordinario valore nutrizionale e della loro qualità, l’Europa invita i propri cittadini verso forme di consumo lontane dai propri territori e tradizioni”. 

“Legittimo offrire la più ampia varietà possibile di cibo da qualunque parte provenga, ma non si liquidino in fretta i principi della nostra sana ed equilibrata tradizione alimentare - conclude il consigliere delegato – o così facendo si rischia di perde di vista il vero obiettivo della nuova strategia che orienterà per i prossimi decenni le politiche agroalimentari europee: produrre sempre più qualità naturalmente impattando sempre meno e fornendo alle persone cibo sano e sicuro”.

red - 18706

EFA News - European Food Agency
Similar