It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Santambrogio (VéGé): "Vaccinare subito personale della distribuzione moderna"

Appello al presidente Mario Draghi

Il Commissario all’Emergenza, Generale Francesco Paolo Figliuolo, ha annunciato che nelle vaccinazioni occorre ora dare priorità a chi rappresenta l’apparato produttivo del settore turistico ed alberghiero. Nelle stesse ore il ministro Patrizio Bianchi ha dichiarato che gli insegnanti insieme al personale non docente e ai dirigenti scolastici devono avere la priorità. Le notizie hanno indotto l'ad del gruppo VéGé, Giorgio Santambrogio, a rivolgersi direttamente al presidente del Consiglio, Mario Draghi, per perorare la causa delle vaccinazioni anche per tutte le commesse e i commessi della distribuzione moderna, che sono sempre rimasti in prima linea anche nei momenti del più duro lockdown.

"Verificato che è a buon punto la campagna vaccinale delle persone più anziane e/o portatrici di fragilità - scrive Santambrogio - è opportuno e doveroso pensare a tutte quelle categorie che sono quotidianamente a contatto con il pubblico. Per questo occorre dare priorità massima alla vaccinazione di commesse e commessi delle nostre imprese. Devono essere messi subito in sicurezza! Per tutto quello che questi lavoratori hanno fatto e per quello che quotidianamente continuano a fare per assicurare agli italiani la possibilità di acquistare quello di cui hanno bisogno. Dare un segnale di attenzione a questa categoria indispensabile e necessaria del nostro tessuto produttivo sarebbe unindicazione utile per il contrasto alla diffusione del virus e del tutto accettabile e condivisibile da parte dellopinione pubblica che ha spesso riconosciuto il valore del loro lavoro e dimostrato riconoscenza per la qualità del loro impegno. Vorrei ricordare che ogni giorno, ognuno dei circa 410.000 nostri collaboratori entra in contatto con almeno 200 persone. Non è la prima volta che insieme alle nostre associazioni di categoria lanciamo questo appello. Adesso abbiamo bisogno di risposte concrete".

L'ad di VéGé ricorda poi i numerosi messaggi che gli giungono, come questo: “È forte, anzi fortissimo il desiderio di essere vaccinati, ce lo meritiamo. Per ogni ora dedicata al nostro lavoro, per ogni giorno lontano dalle nostre famiglie, per ogni alba pronti a ricevere i camion, per ogni sera a casa esausti dopo 10 - 12 ore di lavoro (…) perché siamo sempre stati a contatto con i clienti, i camionisti, i fornitori, perché l’impegno e il desiderio di offrire un servizio ti da quella forza che pensavi di non avere, perché abbiamo pianto in magazzino lontani dagli sguardi dei nostri clienti per la stanchezza e per lo stress (…). Ecco, forse perché ci siamo sempre stati, il nostro impegno non è stato minore dei medici, delle forze dell’ordine, degli infermieri. Ora chiediamo di essere vaccinati…Non meriamo di essere dimenticati”.

"Non possiamo e non vogliamo dimenticarci di loro - riprende Santambrogio - La Moderna Distribuzione ha fatto e continuerà a fare sempre la sua parte. Per noi la sicurezza sanitaria è un servizio al Paese, una forma di rispetto dovuta a tutti coloro che ci scelgono e ai nostri collaboratori, che con il loro lavoro hanno trasmesso la serenità di cui noi italiani avevamo bisogno anche nei giorni più difficili della pandemia. Per noi la sicurezza è sinonimo di futuro. Per questo - è la conclusione - mi rivolgo a lei, egregio Presidente del Consiglio, Prof. Mario Draghi, abbiamo bisogno della fiducia Sua e del Suo governo per poter tornare al più presto alla normalità, continuando a garantire la sicurezza dei nostri clienti e proteggendo anche le persone che lavorano con noi".

red - 18779

EFA News - European Food Agency
Similar