It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Istat: crollo nascite, allarme per tenuta del sistema pensionistico

Natalità ancora in ribasso nel 2021

Natalità ancora in ribasso nel 2021. Per l'anno in corso l'Istat stima 394.210 nati, numero ancora in calo rispetto al 2020, quando si è comunque registrato un nuovo minimo storico di nascite dall'Unità d'Italia (404mila). Anche i matrimoni hanno subito un crollo considerevole nel 2020, si sono dimezzati. A illustrare i dati è stato il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo, in occasione degli Stati generali della natalità tenutisi oggi a Roma alla presenza del Premier Mario Draghi e di Papa Francesco, sottolineando che "bisognerà recuperare questa situazione in un Paese in cui le nascite avvengono per due terzi all'interno del matrimonio".

L'Istituto di Statistica osserva che "senza adeguati interventi capaci di contrastarne le cause il costante calo della natalità è destinato a persistere anche quando si saranno esauriti gli effetti negativi prodotti da Covid-19. Attorno alla metà del secolo si va configurando la possibilità di scendere anche sotto i 350.000 nati annui". Obiettivo al 2030 è di accrescere il numero medio di figli per donna di 0,6 unità entro la fine del decennio comporterebbe un aumento di 130mila nati nell'arco di un decennio (+33%). Si tratterebbe di circa 517mila nati in più nel complesso del decennio.

Un apporto di mezzo milione di nati comporta, con una speranza di vita di 82 anni per un maschio e 86 per una femmina, l'acquisizione da parte della popolazione cui afferiscono di 42 milioni di anni-vita . Per l'Italia ciò equivale ad accrescere di circa il 2% il patrimonio demografico ossia gli anni di futuro che complessivamente competono al totale dei residenti.

Il 51% degli anni-vita forniti dal contingente di nati verranno spesi in età produttive, il 22% in età di formazione e il 27% in età di pensione. Nelle nuove generazioni la prospettiva è (ai parametri attuali) di vivere mediamente 53 anni da pensione per ogni 100 di lavoro: un rapporto che è di un terzo più favorevole agli equilibri di welfare rispetto al 79 per 100 che attualmente caratterizza il complesso della popolazione italiana.

Per l'istat l'Eeuilibrio del sistema pensionistico è a rischio. "Siamo passati da un rapporto di 26 per ogni 100, 26 in età da pensione per ogni 100 in età da lavoro ad un rapporto di 39 oggi e andiamo verso qualcosa che arriverà piu' o meno attorno a 60 nell'arco di qualche decennio. E' evidente che, in queste condizioni, il problema degli equilibri nel sistema previdenziale è estremamente delicato e importante", sottolinea Blangiardo.

red - 18900

EFA News - European Food Agency
Related
Similar