It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ritter Sport: raggiunta la neutralità climatica

Pubblicato il bilancio di sostenibilità 2019-2020

Ritter Sport, brand dei quadrati di cioccolato appartenente all’azienda familiare tedesca Alfred Ritter GmbH & Co. KG, ha presentato il suo ultimo bilancio di sostenibilità intitolato “Doing the right thing” e riferito al 2019-2020, un biennio positivo in termini di risultati raggiunti che fissa anche nuovi e lungimiranti obiettivi per il prossimo futuro. “Vogliamo operare nel modo giusto, così da lasciare alle generazioni future un ambiente in cui valga la pena vivere”, ha affermato Petra Fix, Global Sustainability Communication di Alfred Ritter GmbH & Co. KG. “Per questo ci impegniamo da sempre nella riduzione e neutralizzazione di emissioni di Co2, nell’approvvigionamento responsabile e trasparente delle materie prime, che ci ha portato nel 2018 ad essere il primo grande produttore di tavolette di cioccolato ad approvvigionare cacao 100% certificato sostenibile per l’intera gamma di prodotti, nell’utilizzo di packaging sostenibili e nell’attenzione nei confronti delle persone e dell’ambiente. Tutti obiettivi in pieno accordo con gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dall’Onu“.

L’azienda, con sede produttiva a Waldenbuch, ha raggiunto l’obiettivo di produzione a emissioni zero nel 2019 (tre anni prima del previsto), il primo step sulla strada della carbon neutrality, seguito nel 2020 dal raggiungimento delle emissioni zero anche a livello aziendale e avvicinandosi all’ambizioso traguardo della neutralità climatica per l’intera filiera entro il 2025. Questo percorso verso la neutralità carbonica, considerato di massima importanza per Ritter Sport, potrà essere raggiunto nel prossimo futuro grazie all’impegno dell’azienda nel ridurre le emissioni di Co2 dove possibile, favorendo un efficientamento energetico a lungo termine. A questo scopo, l’azienda dal 2002 si avvale esclusivamente di energia verde. Inoltre, oltre a rendicontare le emissioni di Co2 inevitabili, compensare le emissioni di Co2 prodotte tramite l’acquisto di certificati di compensazione Gold Standard e, a partire dal 2021, l’obiettivo da raggiungere è quello di utilizzare i certificati generati direttamente dalla piantagione sostenibile di proprietà di El Cacao in Nicaragua.

L’approvvigionamento sostenibile delle materie prime costituisce una delle principali responsabilità dell’azienda all’interno della catena del valore del cioccolato. Per questo nel 2018 Ritter Sport è stato il primo grande produttore di cioccolato a vantare l’approvvigionamento di solo cacao 100% certificato sostenibile per l’intera produzione. La percentuale delle partnership nei paesi produttori che rappresentano gli approvvigionamenti di cacao così intesi era arrivata al 64% nel 2020: entro il 2025 Ritter Sport vuole raggiungere il 100%.
 
Da oltre trent’anni l’azienda utilizza un involucro monomaterico realizzato in polipropilene completamente riciclabile e certificato Cradle-to-Cradle, ma in ottica di una sempre maggiore sostenibilità, Ritter Sport sta lavorando per utilizzare materiali di imballaggio alternativi provenienti da fonti rinnovabili in modo da ridurre l’utilizzo di materie plastiche. Quando possibile e dove non è presente un contatto diretto con il prodotto, vengono già utilizzati materiali riciclati e dal 2018, per le proprie confezioni, in particolare quelle di cartone, Ritter Sport utilizza fibre certificate Fsc. Un ulteriore passo è stato svolto nel 2020, attraverso la realizzazione di prototipi in carta e cartone, e ora l’azienda si è posta due ulteriori obiettivi: entro il 2025 tutti i packaging saranno completamente riciclabili e, entro il 2027, il 70% del packaging sarà realizzato con materie prime rinnovabili.

hef - 19725

EFA News - European Food Agency
Similar