It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ulivi. Campagna 20/21: produzione in calo, consumi in aumento

Le stime del Consiglio oleicolo internazionale

Le valutazioni mostrano gli alti e i bassi dell'anno mentre il settore si riprende dalla pandemia. Il consumo è rimasto stabile, ma la produzione è diminuita e l'andamento dei prezzi riflette l'oscillazione tra domanda e offerta

Secondo le stime del Consiglio oleicolo internazionale (Coi), i dati della campagna 2020/21, seppur provvisori, mettono la produzione a 3.034.000 t, in calo del 6,9% rispetto alla campagna precedente. Meglio invece il consumo, che si attesta intorno alle 3.211.000 t (-0,2%). Le importazioni sono previste intorno a 1.074.000 t (-9,3%), mentre le esportazioni dovrebbero raggiungere le 1.132.000 t, in calo dell'8,8% rispetto all'anno precedente.

Ai primi posti nella produzione sono i Paesi membri del Coi, che da soli produrranno 2.834.000 t, ovvero il 93,4% del totale mondiale nell'annata 2020/21. La produzione europea dovrebbe attestarsi a 2.057.000 t, in aumento del 7% rispetto all'anno precedente. A guidare il gruppo UE c'è la Spagna, che dovrebbe registrare un aumento del 24,4%, con una produzione stimata di 1.400.000 t. Seguono l'Italia con 270.000 t (-26,2%), la Grecia con 270.000 t (-1,8%) e il Portogallo con 100.000 t (-28,8%).

La produzione negli altri Paesi membri è prevista pari a 777.000 t (-32,4%). In Tunisia la produzione dovrebbe raggiungere circa 140.000 t (-68,2%), seguita dalla Turchia con 210.000 t (-8,7%), dal Marocco con 160.000 t (+10,3%) e dall'Algeria con 90.000 t (-28,7 %).

Altre 200.000 t sono attese da Paesi non ancora membri, ovvero Siria, Australia e Cile.

IMPORTAZIONE 2020/2021

In maglia gialla per le importazioni gli Stati Uniti con il 33% del totale prodotto importato nell'annata 2020/21. Seguono l'UE con il 21%, il Brasile con il 9%, il Giappone con il 6%, il Canada con il 5%, la Cina con il 4% e l'Australia con il 3%, Messico e Russia con il 2% e altriPpaesi con il 15%.

PREZZI

Anche i prezzi sono diminuiti nella prima parte dell'annata agricola, passando da 480€/100kg a Bari (Italia) a 200€ a Chania (Grecia).

 Per maggiori informazioni: https://www.internationaloliveoil.org/what-we-do/economic-affairs-promotion-unit/#prices

cm - 19819

EFA News - European Food Agency
Related
Similar