It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

È firmato Gse il nuovo deposito di Esselunga

L'hub consegnato a Prologis a Milano comprende sette reparti a temperatura controllata

È firmato Gse Italia il nuovo magazzino a temperatura controllata per la gdo a Milano. Si tratta di un moderno hub di logistica urbana realizzato dalla filiale italiana del gruppo francese Gse e consegnato a Prologis, fondo di investimento immobiliare con sede a San Francisco, in California, che investe in strutture logistiche, con un focus sul lato dei consumi della catena di fornitura globale. Il deposito, che sembra destinato a Esselunga per le consegne nel territorio cittadino delle vendite on line, ha una superficie di 13.186 m2, sorge su un’area di 22.308 m2 in Via Dione Cassio, zona Mecenate, a poca distanza dall’uscita Camm della tangenziale est.

La struttura è integrata da 1.620 m2 di spazi destinati a uso amministrativo e di gestione aziendale e da un moderno magazzino di 10.920 m2. La principale caratteristica è la multi-temperatura, che si esprime attraverso la presenza di sette reparti a temperatura controllata, compresa tra 0 e 4°C, per la preparazione alimentare e il confezionamento di prodotti freschi e freschissimi, e di una cella a -18°C per la conservazione di prodotti alimentari surgelati. La realizzazione di questo magazzino, fanno sapere le aziende protagoniste del progetto, è il risultato di un’operazione virtuosa, cioè di riconversione di siti inattivi, che ha portato a una rigenerazione del territorio senza consumo di suolo, ma anzi soddisfacendo i principi di decoro urbanistico grazie a una perfetta integrazione con il contesto urbano circostante.

"Questo progetto rappresenta tutta la determinazione di Prologis e Gse a realizzare per una primaria azienda italiana della grande distribuzione un’idea di logistica sostenibile sia a livello ambientale che sociale - spiega Valentino Chiarparin, country manager di Gse Italia - La riconversione di aree urbane inattive è una delle sfide più importanti del presente e futuro sviluppo immobiliare, in quanto richiede competenze specialistiche e capacità di coordinamento superiori ad un edificio di nuova realizzazione greenfield".

L'edificio è certificato Leed Silver ed è caratterizzato da una spiccata attenzione alla sostenibilità, visto che sono presenti un tetto giardino che riduce l’effetto isola di calore creato dall’edificio e ne aumenta l’inerzia termica e un importante impianto fotovoltaico di circa 400 kWp per far fronte al fabbisogno energivoro dell’immobile. All'interno è presente un impianto di illuminazione Led: i parcheggi sono dotati di colonnine di ricarica elettrica per i dipendenti e per le flotte impiegate per la distribuzione urbana delle merci.

"E-commerce, logistica dell’ultimo miglio e alimentare saranno senza dubbio alcuno il futuro della supply chain e sono riassunte nell’immobile che abbiamo appena completato - sottolinea Sandro Innocenti, country manager Italia di Prologis - Richiedono qualità elevata, perché il livello di tecnologia presente in questo tipo di immobili è superiore a quello di un magazzino standard".

fc - 20643

EFA News - European Food Agency
Similar