It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Benessere animale: Kfc annuncia l'abbandono delle uova da galline in gabbia

In tutto il mondo, insieme agli altri brand Pizza Hut e Taco Bell controllati da Yum!

Yum! Brands, l’azienda più grande al mondo nel campo della ristorazione, che conta quasi 50 mila sedi a livello globale con i suoi brand Kentucky Fried Chicken, PIzza Hut, Taco Bell e The Habit Burger, pubblica oggi un impegno a diventare 100% cage-free entro il 2026 per la maggior parte delle sue sedi, ed entro il 2030 su scala globale.

La policy che sancisce l’impegno a non rifornirsi da allevamenti di galline allevate in gabbia è stata raggiunta in seguito della campagna di sensibilizzazione pubblica organizzata dalla Open Wing Alliance, che comprende anche l'associazione animalista Animal Equality, seconda la quale "Yum! Brands è l’azienda nel campo della ristorazione con il più alto numero di sedi che sia stata mai coinvolta in una campagna pubblica fino ad ora".

“Con questo impegno contro le gabbie, Yum! Brands e Kfc potranno fare la differenza nel ridurre la sofferenza di milioni di galline ovaiole in Italia e in tutto il mondo", ha affermato Alice Trombetta, direttrice di Animal Equality Italia. "Questa policy coinvolge alcune delle catene di fast food più importanti al mondo ed è evidente che la transizione a un mondo senza gabbie sta diventando il futuro del settore agroalimentare".

Prima della pubblicazione di quest’impegno globale, Taco Bell, parte del gruppo Yum! Brands, aveva già completato la transizione cage-free in Nord America impegnandosi per le uova non provenienti da allevamenti in gabbia anche in Europa. Il 26 agosto di quest’anno, inoltre, Yum! Brands aveva rilasciato una policy cage free per gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e altri mercati leader. La nuova policy globale rilasciata oggi da Yum! Brands certifica l’impegno da parte dell'azienda a rifornirsi solo da uova e ovoprodotti al 100% cage-free per la maggior parte delle sue sedi in oltre 150 Paesi. La transizione verrà completata entro la fine del 2030. 

red - 20783

EFA News - European Food Agency
Similar