It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

CCPB partecipa a Biofach/Vivaness 2018

La fiera di Norimberga è una grande vetrina per il settore

Il made in Italy biologico registra numeri da capogiro e conquista sempre più quote di mercato all’estero grazie anche al ruolo della certificazione. In occasione del Biofach, la fiera internazionale del settore che si terrà dal 14 al 17 febbraio a Norimberga, CCPB, ente di certificazione specializzato nell’agricoltura biologica e sostenibile, sarà presente con un doppio stand: aree food (pad. 4-611) e cosmesi (pad.7-551). Testimoniando così l’impegno con cui CCPB si dedica a questo settore.

Il comparto del biologico italiano, stando agli ultimi dati pubblicati da Nomisma, è in forte crescita. A trainare il settore è soprattutto l’export che nel 2017 ha generato un fatturato pari a 1,9 miliardi di euro. Questo risultato ha consentito all’Italia di diventare il secondo paese esportatore al mondo, dopo gli Stati Uniti, di prodotti bio: registrando un trend di crescita del più 16% rispetto al 2016 e del più 408% rispetto al 2008.

Un successo decretato sia dalla qualità dei beni e dalla ricerca in innovazione delle aziende che dall’attenzione prestata dal sistema dei controlli. “I prodotti sono apprezzati anche perché sono ritenuti sicuri” spiega Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB.

La certificazione è dunque il primo passo verso la costruzione di un solido rapporto di fiducia con i consumatori e di una leale concorrenza nel mercato. Lo sanno bene le aziende certificate da CCPB che proprio grazie a questi parametri esportano in tutto il mondo. La Commissione europea ha riconosciuto CCPB come organismo di certificazione equivalente in 39 paesi del mondo. In più l’ente di controllo è il primo organismo in Italia ad aver ottenuto il riconoscimento per operare in conformità alle legislazioni nazionali di Stati Uniti, Giappone e Canada. CCPB è inoltre capogruppo di 5 società di certificazione presenti nel Mediterraneo: Egitto, Tunisia, Turchia, Libano e Marocco.

I prossimi anni vedranno l’introduzione del nuovo regolamento sul bio, la cui entrata in vigore è fissata a gennaio 2021. “Dobbiamo pensare ora come sarà il biologico del futuro – precisa Piva –. Il biologico deve aprirsi a nuovi orizzonti e a nuove sfide nel rispetto dei principi di naturalità, salubrità e affidabilità che lo ispirano”.

agu - 2080

© EFA News - European Food Agency Srl