It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Nutriscore, Filiera Italia: "incoraggia il consumo di alimenti ultratrasformati"

L'associazione plaude alle 5 istruttorie dell'Antitrust; Carrefour disposta a collaborare

L’autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato cinque istruttorie sull’uso del Nutriscore da parte delle società italiane Gs, Carrefour Italia, Pescanova e Valsoia, delle società francesi Regime Dukan e Diet Lab, della società inglese Weetabix e di una marca tedesca di caramelle. Il timore, evidenzia l’antitrust, "è che l’etichetta a semaforo, in assenza di adeguate avvertenze, venga erroneamente percepita come una valutazione assoluta sulla salubrità di un determinato prodotto, prescindendo dalle dieta e dallo stile di vita di un individuo, dalla quantità e dalla frequenza di assunzione del prodotto all’interno di un regime alimentare variegato ed equilibrato" (vedi articolo EFA News del 22-11-21).

L’autorità ha avviato anche un’istruttoria nei confronti del titolare dell’app francese Yuka, scaricabile dagli App Store di Google e Apple, che si propone di dare una valutazione salutistica dei prodotti alimentari basata in larga misura sul sistema Nutriscore e che fornisce proposte alternative per i prodotti giudicati mediocri o scarsi. In particolare, nel caso dell’app Yuka, secondo l’autorità garante della concorrenza e del mercato non è chiaro il criterio in base al quale sono ordinate e proposte le alternative al consumatore.

“Un’azione importante per la tutela del consumatore”: così Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia ha commentato le istruttorie. “Un sistema che anche noi fin dall'inizio abbiamo denunciato come ingannevole nei confronti del consumatore, punitivo rispetto alle nostre eccellenze e che ha come unico obiettivo quello di fare il gioco di poche multinazionali che spingono per sostituire il cibo naturale con prodotti di sintesi creati in laboratorio”. L'associazione condivide la preoccupazione espressa da alcuni europarlamentari anche per il tentativo di inserire nel rapporto della Commissione per la lotta al cancro del Parlamento europeo, anche elementi legati proprio al Nutriscore. “Sarebbe davvero il colmo considerando che molti dei prodotti premiati dal nuovo sistema con un bel verde sono in realtà prodotti ultratrasformati, oggi considerati molto più rischiosi di quelli semplici o che abbiano subito solo una trasformazione minima”, conclude il consigliere delegato.

Carrefour Italia ha confermato la propria disponibilità alla collaborazione nelle sedi competenti dando tutte le risposte richieste dall'Autorità. L’azienda ha ribadito il proprio impegno a garantire il rispetto della normativa agroalimentare nazionale al fine di assicurare una maggiore tutela dei consumatori. 

hef - 22180

EFA News - European Food Agency
Related
Similar