It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Illy, ombre naziste sul partner tedesco

Esplode in Germania lo scandalo della famiglia Reimann, proprietari di Jab Holding

E' venuto alla luce in Germania il caso delle connivenze col nazismo della famiglia Reimann, la seconda più ricca del paese, con asset per oltre 33 miliardi di euro, proprietari di Jab holding, conglomerata che raccoglie molti brand di beni di largo consumo, tra cui diversi nel beverage, come  Keurig, Dr Pepper, Peet’s Coffee, JDE (Jacobs, Douwe Egberts), Tassimo, Gevalia, L'Or, Pilao, Kenco, Hag. Nell'alimentare la holding controlla anche catene di ristorazione, come l'inglese Pret a Manger o Krispy Kreme Doughnuts. 

Jab e Jde hanno da poco siglato una partnership strategica con Illy caffè (vedi EFA News del 7/3/2019).

Secondo un dettagliato reportage della Bild am Sonntag, Albert Reimann sr (morto nel 1954) e suo figlio Albert jr (mancato nel 1984) sono stati entusiastici sostenitori del nazismo, a cui avevano aderito dal 1931, e hanno sfruttato pesantemente nelle loro aziende civili russi e prigionieri di guerra francesi, sottoponendoli a un un regime di schiavitù comprendenti anche gravi abusi sessuali.

Non è una novità che i principali industriali tedeschi siano stati sostenitori del nazismo, ma sui Reimann fino al momento non erano ancora emersi documenti così dettagliati come quelli pubblicati dalla Bild. Gli attuali discendenti della famiglia, in particolare gli eredi Wolfgang Reimann, Renate Reimann-Haas, Stefan Reimann-Andersen, Matthias Reimann-Andersen e Andrea Reimann-Ciardelli, si sono dichiarati all'oscuro dei fatti emersi definendo "vergognoso" il comportamento dei due Albert e annunciando una donazione di 10 milioni di euro a una onlus, forse la fondazione creata nel 2000 da circa 6.500 aziende tedesche per risarcire gli eredi delle vittime del nazismo sfruttati nelle fabbriche. 

La fortuna dei Reimann risale al 1828, quando Ludwig Reimann, un chimico, entrò a far parte dell'azienda chimica fondata da Johann Adam Benckiser cinque anni prima a Pforzheim, in Germania. Nel 1858, Reimann trasferì la sede a Ludwigshafen. Reimann jr. era entrato in azienda nel 1923, all'età di 25 anni, contribuendo alla gestione insieme a suo padre e agli zii.
Negli anni '50 e '60 Reimann jr. trasformò l'attività introducendo prodotti come la crema adesiva per protesi Kukident nel 1962 e il detersivo per lavastoviglie Calgonit nel 1964, creando un polo produttivo di prodotti per la casa, compresi marchi famosi anche da noi, come Vanish e Cillit Bang.
Nel 1997 Jab ha quotato Benckiser alla Borsa di Amsterdam, e due anni dopo la società si è fusa con la britannica Reckitt & Colman Ltd., creando l'attuale colosso Reckitt Benckiser.

agu - 7149

EFA News - European Food Agency
Related
Similar