It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Centromarca, aziende impegnate contro le fake news

Cardani (Agcom): "L’industria di marca, con un'attività di comunicazione socialmente responsabile, può dare un contributo importante"

“Il Paese deve ritrovare fiducia: questa battaglia interessa tutti. L’industria di marca, con un'attività di comunicazione socialmente responsabile, può dare un contributo importante in tal senso che va oltre il contrasto alle fake news". L'ha detto Angelo Cardani, presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, intervenendo al meeting organizzato da Centromarca a Milano, presso lo Iulm, per contrastare la disinformazione. Parlando ai manager della comunicazione delle industrie associate a Centromarca, Cardani ha definito “quasi pedagogico” il contributo  che possono dare in un momento di grande complessità sociale per il Paese. “Con il vostro lavoro non generate solo valore e credibilità per le vostre imprese”, ha spiegato, “contribuite anche a contrastare una pericolosa sottocultura in cui convivono toni urlati, rifiuto del confronto, notizie false, rifiuto della competenza".

Cardani si è detto "spaventato dalla disinformazione senza disegno, dalla quantità enorme di cittadini che attraverso i social diventano propalatori di notizie false. Purtroppo vi sono elementi nella rete, in particolare le piattaforme social, che portano inevitabilmente verso una cultura che vive di notizie distorte".

"Tutto questo - ha aggiunto il presidente di Agcom - è aggravato dal fatto che si infilino negli scambi sui social messaggi pubblicitari non espliciti di cui gli utenti non sono consapevoli, creando ulteriore confusione" 

Nel corso dell’incontro sono seguiti altri approfondimenti: Salvatore La Barbera, dirigente, capo compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni della Lombardia, è entrato nel merito dell’azione di contrasto alla cybercrimimalità e alle fake news; Chiara Ferrari, direttore del Public Affairs di Ipsos, ha esposto le evidenze delle indagini svolte sulla percezione delle realtà da parte degli italiani. Mentre Francesco Giorgino, conduttore del Tg1, docente di branding all’Università Luiss di Roma, ha proposto un’approfondita trattazione in materia di brand journalism. “Dobbiamo imparare tutti a parlare alla persona che sta dentro il consumatore”, ha puntualizzato, ricordando l’importanza della “fondamentale distinzione tra comunicazione, informazione e marketing”.

Giorgino ha illustrato i risultati del Brand Reporter Lab, organizzato dalla Luiss, spiegando come oggi la sfida nel passaggio dalla brand awarness alla brand advocacy passa anche da una nuova, necessaria, impostazione del marketing aziendale: "è fondamentale il passaggio dalla comunicazione 'sul' prodotto, alla comunicazione 'per' il prodotto".

In conclusione, Guido Di Fraia e Alberto Stracuzzi, rispettivamente pro rettore Iulm e direttore ricerche di BlogMeter hanno proposto una sintesi delle evidenze della ricerca redatta per Centromarca sulla socialmediability delle industrie.


agu - 7956

© EFA News - European Food Agency Srl
Similar