It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Granarolo, exploit dell'export nel 2019

La società ha chiuso l'anno con ricavi per 1,3 mld e un utile di 13,3 mln

Granarolo ha chiuso il 2019 con Ricavi Consolidati delle vendite per 1.317 milioni di euro in aumento del 1,2% rispetto al 2018, conun incremento di 16 milioni di euro. L’Ebitda del Gruppo si è attestato a 73 milioni di euro, pari al 5,5% dei ricavi, in decremento rispetto al 2018 di 3,4 milioni di euro (- 4,4%). L’Ebit si attesta a 27,4 milioni di euro, pari 2,1% dei ricavi di vendita, in decremento di 12 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente. Il Risultato netto dell’esercizio registra un utile pari a 13,3 milioni di euro. La Posizione Finanziaria Netta 2019 risulta pari a 161,8 milioni di euro, in incremento di 15,3 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2018. Il Consiglio di Amministrazione ha deciso di proporre all’Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo pari a 12,5 milioni di euro. 

Come ha spiegato il presidente Gianpiero Calzolari, “Abbiamo registrato dati soddisfacenti in linea con le attese, frutto di un lavoro impegnativo, in un anno non facile in cui abbiamo affrontato l’inflazione della materia prima e la flessione dei nostri mercati. Abbiamo portato avanti un piano industriale orientato alla sostenibilità, in coerenza con l’efficientamento organizzativo sollecitato dalla proprietà, nell'ottica di supportare il Gruppo in un momento di veloci e profondi cambiamenti rimettendo al centro, in parziale rimodulazione della strategia del recente passato, il latte e la nostra filiera su cui in corso d’anno abbiamo investito importanti risorse che sono state premiate da un recupero di circa 2 punti di quote di mercato. Abbiamo lavorato per innovare prodotti, packaging e processi, consolidato la nostra presenza in molti paesi, chiuso bilanci positivi negli ultimi anni e questo ci consentirà di affrontare meglio il futuro inaspettato di fronte al quale ci troviamo. Il nostro Paese andrà quasi sicuramente in recessione. Occorrerà mantenere vivo e attivo il nostro tessuto produttivo, in particolare la filiera agro alimentare, affinché possa presidiare gli anelli della catena del valore, nazionali e internazionali, e non restarne escluso in futuro quando l’economia mondiale ricomincerà la sua marcia. La pandemia ci pone di fronte a sfide nuove e noi dobbiamo essere in grado di essere protagonisti del cambiamento”.

In un mercato italiano in calo del 3,1% a volume sul latte fresco, la società cresce del 6,5% in controtendenza grazie a un piano rilancio rivolto ad un consumatore sempre più attento agli aspetti nutrizionali e ambientali. La campagna di promozione del latte fresco, nella quale gli allevatori della filiera Granlatte Granarolo sono diventati i protagonisti, ha fatto leva principalmente sul benessere animale in allevamento certificato, sulla sostenibilità di una filiera visitabile e su un riposizionamento di prezzo. 

Le vendite del Gruppo sono tradizionalmente concentrate in Italia, (67,5% dei ricavi), ma i risultati derivanti dall’attività di internazionalizzazione sono molto positivi con le vendite estere che ammontano a 429 milioni di euro e pesano per il 33% del fatturato, rappresentando il 7,3% delle esportazioni nazionali del comparto. Sui mercati esteri nel 2019 si è registrato un incremento del fatturato di 16 milioni di euro pari al +4%. 

agu - 11350

© EFA News - European Food Agency Srl