It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Nestlé. ok alla vendita delle attività dolciarie Usa a Ferrero

L'accordo raggiunto per 2,8 milioni di dollari

L'azienda italiana potrà espandere ulteriormente la sua attività negli Usa dopo gli acquisti nello scorso anno di Ferrara Candy e della compagnia di cioccolato Fannie May

Nestlé ha confermato la vendita dell'unità dolciaria statunitense a Ferrero per 2,8 miliardi di dollari. Ferrero diventa così il terzo produttore dolciario degli Stati Uniti, dopo Hershey e Mars. L'annuncio di oggi arriva esattamente sette mesi dopo che Nestlé aveva rivelato la sua intenzione di vendere.

L'azienda italiana potrà espandere ulteriormente la sua attività negli Usa dopo gli acquisti nello scorso anno di Ferrara Candy e della compagnia di cioccolato Fannie May. La divisione statunitense di Nestlé comprende marchi noti come Butterfinger e Nerd. La sede svizzera potrà così concentrarsi su altre aree della sua attività. Nel 2016, la divisione ha fatturato circa 900 milioni di franchi (935 milioni di dollari).

Il ceo di Nestlé, Mark Schneider, ha dichiarato: "Con Ferrero, abbiamo trovato una casa eccezionale per il nostro business dolciario statunitense. Allo stesso tempo, questa mossa consente a Nestlé di investire e innovare in una gamma di categorie in cui vediamo una forte crescita futura e posizioni di leadership, come la cura degli animali domestici, l'acqua in bottiglia, il caffè, i piatti pronti surgelati e l'alimentazione infantile". Queste, infatti, rappresentano oltre la metà delle vendite del gruppo e crescono quasi del 2% più velocemente rispetto alle altre categorie di Nestlé.

La transazione comprende solo i marchi dolciari basati negli Stati Uniti di Nestlé e non include gli iconici prodotti da forno Toll House, un marchio di crescita strategico che Nestlé continuerà a sviluppare. La società rimane pienamente impegnata a far crescere la sua attività internazionale nel settore dolciario in tutto il mondo, in particolare attraverso KitKat, ha affermato Nestlé.

Giovanni Ferrero, presidente esecutivo del Gruppo Ferrero, ha dichiarato: "Siamo molto entusiasti dell'acquisizione delle attività dolciarie statunitensi di Nestlé, che vanta un portafoglio eccezionale di marchi iconici. In combinazione con la presenza americana già esistente di Ferrero, compresi i marchi di Fannie May recentemente acquistati e la Ferrara Candy Company, avremo una gamma maggiore; un'offerta più ampia di prodotti di alta qualità con gli snack al cioccolato, i dolciumi e i prodotti stagionali; ma anche entusiasmanti nuove opportunità di crescita nel più grande mercato dolciario del mondo. Non vediamo l'ora di accogliere il talentuoso team da Nestlé a Ferrero e di continuare a investire e far crescere tutti i nostri prodotti e marchi in questo mercato strategico e allettante".

L'acquisizione comprende gli stabilimenti produttivi statunitensi di Nestlé a Bloomington, Franklin Park e Itasca, Illinois - così come in altre località della California, dell'Illinois e del New Jersey. Una volta completato, l'accordo rappresenterà il primo grande incasso di Nestlé da quando Mark Schneider è diventato amministratore delegato. Sia Nestlé che Ferrero si aspettano che l'accordo, soggetto ad approvazione regolamentare, si concluda alla fine di questo trimestre.

mtm - 1873

© EFA News - European Food Agency Srl