It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Centrale del Latte d'Italia perde 4,1 milioni nei primi 9 mesi

L'andamento migliora però nel trimestre

Centrale del Latte d’Italia ha chiuso i primi 9 mesi del 2019 con ricavi netti consolidati pari a 131 milioni di euro rispetto ai 133,8 milioni di euro di 12 mesi prima, un margine operativo lordo di 4,5 milioni di euro (dai 5,4 milioni di euro al 30/9/2018) e un margine operativo netto passato dai 418mila euro al 30/9/2018 a un rosso di 2,9 milioni di euro. Il periodo si è così chiuso con un risultato netto consolidato dopo le imposte in perdita per 4,1 milioni di euro, rispetto al risultato netto negativo di 579mila euro dei primi 9 mesi del 2018. A fine settembre la posizione finanziaria del gruppo era negativa per 84,7 milioni di euro rispetto al dato negativo di 73,7 milioni di fine 2018. 

"Le motivazioni della perdita - spiega una nota della società che ha accompagnato ieri la presentazione dei risultati - risiedono principalmente nel drastico aumento del prezzo della materia prima latte (+9,6% il prezzo del latte crudo spot nazionale rispetto allo stesso periodo del 2018) e al trend decrescente dei consumi di latte fresco da parte delle famiglie italiane. Alla luce di ciò, al fine di ridurre l’impatto di tali avvenimenti sui conti del Gruppo dell’esercizio in corso, la società ha messo in atto azioni mirate al ridimensionamento di alcune voci di spesa, al rafforzamento delle proprie posizioni sul mercato e all’avvio di un nuovo aggiornamento dei listini di vendita nei confronti dei clienti".

Il gruppo è il terzo player italiano del mercato del latte fresco e a lunga durata, con posizioni di leadership in Piemonte, Liguria, Toscana e Veneto.




agu - 9663

© EFA News - European Food Agency Srl