It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Bresaola italiana presto in Giappone

Lo ha assicurato il sottosegretario Sviluppo economico Ivan Scalfarotto

L'annuncio durante una missione a Tokyo al termine del tavolo di lavoro italo-giapponese sull’agroalimentare presso l’ambasciata d’Italia

Bresaola italiana presto nel paese del Sol Levante. La disponibilità da parte del ministero della Salute giapponese a concludere in tempi brevi il negoziato per l'apertura ai prodotti lavorati di carne di manzo, tra cui in particolare la bresaola, che scontano ancora i timori sul morbo della mucca pazza, è stata annunciata dal sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto, in visita in Giappone in concomitanza con la XXIX Assemblea generale dell'Italy-Japan Business Group (Ijbg).

Il sottosegretario ha incontrato i più importanti importatori e distributori giapponesi del settore per trovare strumenti a sostegno delle esportazioni italiane in quel paese, e al termine del tavolo di lavoro ha annunciato l’apertura del mercato giapponese alla bresaola da carne italiana. Nel corso della visita a Tokyo, Scalfarotto ha incontrato il viceministro dell’Economia, del commercio e dell’industria giapponese, Daisuke Hiraki, e i negoziatori giapponesi per gli accordi Trans Pacific Partnership (Tpp) ed Economic Partnership Agreement (Accordi di partenariato economico, Epa), gli ambasciatori Yoichi Suzuki e Kazujoshi Ueomoto. Le parti, riferisce una nota dell’ambasciata d’Italia a Tokyo, “si sono impegnate ad assicurare la crescente operativita’ dell’Ijbg”, riunitosi quest’anno a Kanazawa. E’ intendimento del Sistema Italia, prosegue la nota, “facilitare, in tale contesto, maggiori opportunita’ di contatto diretto tra aziende italiane e giapponesi”.

"Ci è stato proposto – ha detto Scalfarotto – di concentrarci in una prima fase sui prodotti realizzati con carne di manzo. Siamo ovviamente interessati a ottenere l'autorizzazione all' esportazione verso il Giappone della bresaola realizzata anche con carni di provenienza estera. L'apertura giapponese è una ottima notizia, che al mio rientro in Italia valuteremo con le altre competenti autorità, in particolare il nostro ministero della Salute e con le associazioni di categoria". Alcune di queste, come Federalimentare e Assocarni, hanno già espresso - ha aggiunto Scalfarotto - "un forte interesse ad aprire l'importante mercato giapponese ai prodotti a base di carne bovina ottenuti da animali nati e allevati in Italia".

mtm - 1095

© EFA News - European Food Agency Srl