It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Basko, torna a Genova il camion simbolo della tragedia del Morandi

Socegross lo ha messo a disposizione del comune

"Confermiamo che il camion Basko è di nostra proprietà. Lo abbiamo acquistato lo scorso anno, dopo che l’azienda Damonte, che ha in appalto il nostro servizio di trasporto, lo aveva ceduto a una società lombarda. Quando abbiamo saputo di questo passaggio, abbiamo deciso di acquistarlo per evitare che ne fosse fatto un uso improprio. Il camioncino sarà a disposizione del Comune di Genova per qualunque utilizzo ritenesse opportuno o utile a favore della cittadinanza”. Così riferisce Lucia Bruzzone, portavoce del Gruppo Sogegross. Quello a cui fa riferimento è stato, suo malgrado, uno dei tragici simboli di quel 14 agosto 2018 quando a Genova è crollato il ponte Morandi causando 43 vittime. 

Ricordate il camion Basko sull'orlo del moncone? L’autista 37enne Luigi Fiorillo ha inchiodato a un passo dal baratro, è sceso e ha lasciato lì il mezzo, rimasto per giorni e giorni sul nastro d'asfalto tagliato e diventato una delle immagini simbolo della tragedia. Ebbene, quel Volvo Fm 300 con i colori della Basko, cabina blu e cassone verde, di proprietà dell’azienda di autotrasporto Damonte (a cui il gruppo Sogegross ha appaltato il servizio di consegna Basko) una volta rimosso e restituito alla Damonte, era stato venduto, insieme ad altri 4 veicoli, alla Italcar di Dalmine, in provincia di Bergamo. 

A inizio marzo 2019 il camion è arrivato dal rivenditore di veicoli industriali usati e la sua foto è stata pubblicata sul sito dell’azienda con le specifiche tecniche: quasi 900 mila chilometri percorsi, anno di produzione 2009, prezzo segreto a trattativa riservata. Un mese dopo, ad aprile 2019, ecco la decisione a sorpresa: Basko lo ricompra per riportarlo a Genova. E dal 3 agosto, dopo l'inaugurazione del nuovo ponte Genova San Giorgio, lo mette a disposizione del Comune. “Come genovesi, l’apertura del Ponte Genova San Giorgio è motivo di orgoglio per la nostra città e per tutte quelle eccellenze italiane che hanno reso possibile una rapida conclusione dei lavori. Si tratta di un segnale di rinascita per Genova: ripartiamo da qui, dal nostro territorio, su cui siamo presenti da ormai cento anni, per guardare con fiducia ai traguardi futuri della città e dei suoi cittadini”. 

Nata nel 1987, l’insegna Basko, tra supermercati e superstore, rappresenta col suo fatturato 2019 da 334 milioni di euro, il core business del Gruppo Sogegross. La rete Basko oggi comprende 61 supermercati e superstore di prossimità, con superfici tra i 500 e i 3.000 mq, prevalentemente dislocati in Liguria, ma con una presenza in crescita in Piemonte e nelle altre regioni del Nord-ovest, e conta circa 1.500 dipendenti. A sua volta, con circa 265 punti vendita e 2.600 addetti, il Gruppo Sogegross, nato a Genova nel 1920 su iniziativa della famiglia Gattiglia, festeggia il centenario posizionandosi tra i primi dieci operatori privati italiani della grande distribuzione organizzata, tra cash&carry (a insegna Sogegross e GrosMarket), supermercati e superstore (marchio Basko), soft discount (marchio Ekom), supermercati e superette in franchising (marchio Doro), e-commerce. Il centro direzionale e logistico del gruppo è a Genova Bolzaneto, giusto a pochi metri dal ponte San Giorgio, canale fondamentale per la distribuzione.

red - 12994

EFA News - European Food Agency
Similar

NewsFerrero inaugurates the first Kinder Joy of moving Park in the world

At Vicolungo The Style Outlets, on the model of the successful format launched at Expo / Gallery

A recreational motor park for children aged 5 to 12 that covers an area of over 1,700 square meters. Children who experience it have the opportunity to acquire or improve a range of skills, while having fun, thanks to a "Facilitating Environment" created by 8 recreational-motor machines, developed by the Department of Industrial Engineering of the Federico II University of Naples. more